Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
3 feb 2022

"Lei era veramente Eccezziunale Teneva testa a Tognazzi e Sordi"

Abatantuono e quell’incontro a Roma: mi scelse per un film e se non fosse stato per Monica, ora farei un altro lavoro

3 feb 2022
giovanni bogani
Cronaca
L’attore Diego Abatantuono, 66 anni, con Monica Vitti in ’Scusa se è poco’, film del 1982 diretto da Marco Vicario. Nel cast anche Ugo Tognazzi
L’attore Diego Abatantuono, 66 anni, con Monica Vitti in ’Scusa se è poco’, film del 1982 diretto da Marco Vicario. Nel cast anche Ugo Tognazzi
L’attore Diego Abatantuono, 66 anni, con Monica Vitti in ’Scusa se è poco’, film del 1982 diretto da Marco Vicario. Nel cast anche Ugo Tognazzi
L’attore Diego Abatantuono, 66 anni, con Monica Vitti in ’Scusa se è poco’, film del 1982 diretto da Marco Vicario. Nel cast anche Ugo Tognazzi
L’attore Diego Abatantuono, 66 anni, con Monica Vitti in ’Scusa se è poco’, film del 1982 diretto da Marco Vicario. Nel cast anche Ugo Tognazzi
L’attore Diego Abatantuono, 66 anni, con Monica Vitti in ’Scusa se è poco’, film del 1982 diretto da Marco Vicario. Nel cast anche Ugo Tognazzi

di Giovanni Bogani "Monica aveva il carisma, la personalità di chi sa essere originale in qualsiasi momento. Non grazie alla moda: Monica era sempre unica. Le altre potevano imitarla: lei aveva un’originalità innata. Nel modo di parlare, di vestirsi, nella voce, nelle cose che pensava. Nel modo di recitare". L’originalità, l’unicità di Monica Vitti. La prima cosa che viene in mente a Diego Abatantuono, quando lo raggiungiamo al telefono. "Monica è stata la prima attrice a unire intelligenza, ironia, classe e bellezza: la prima a saper essere tragica e comica, a volte persino nello stesso film, persino nella stessa scena, persino nello stesso sguardo". Prosegue Diego: "Poi, nella seconda parte della vita, ha avuto una sfortuna terribile, un contrappasso amarissimo. Lei, che della brillantezza, dell’intelligenza, del guizzo aveva fatto la sua forza, si è trovata a perdere tutto, persino la memoria, persino i ricordi. Il destino che le ha dato tanto, le ha tolto tantissimo". Ha avuto tutto, e poi il contrario di tutto. "Io mi sorprendo a pensare a quanti film meravigliosi avrebbe potuto fare nell’ultima parte della sua vita. Resta un rimpianto enorme: non è potuta diventare la nostra Judi Dench, la nostra Vanessa Redgrave o Helen Mirren. Restano, per noi, quei film meravigliosi che tutti conosciamo". Monica Vitti è stata anche l’attrice che ha scoperto, in un teatro di Roma, un giovane attore che si chiamava Diego Abatantuono. "Sì. Lo ripeto spesso, io le devo tutto. Avevo appena lasciato Milano, gli amici del cabaret, il Derby, per giocarmi tutto a Roma. Avevo affittato un teatrino in piazza Navona, col coraggio e l’incoscienza dei giovani. Se lo spettacolo fosse andato male, avrei preso la valigia e sarei tornato a Milano, a fare un altro mestiere. Ma Monica si fermò a vedere lo spettacolo. E da lì cambiò la mia vita". La Vitti ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?