5 mag 2021

Legge Zan, no anche dalle lesbiche. "L’identità di genere deve restare"

Gramolini, presidente di Arcilesbica: "Non basta autodefinirsi donna per esserlo davvero"

antonella coppari
Cronaca
featured image
Legge Zan, no da settori del movimento Lgbt

Roma, 5 maggio 2021 - Non ci sono solo le critiche da destra. Anche settori del movimento Lgbt hanno grosse perplessità sul ddl Zan, come la presidente di Arcilesbica, Cristina Gramolini. Che mira non ad affossarlo, ma a modificarlo in alcuni punti chiave. Ddl Zan, i dubbi: libertà di opinione a rischio Al di là dell’impianto complessivo delle norme sull’omotransfobia, voi avete posto il problema dell’identità di genere citata nella legge. Perché? "Specificare, come fa il ddl Zan, che l’identità di genere è “l’identificazione percepita e manifestata di sé in relazione al genere, anche se non corrispondente al sesso, indipendentemente dall’aver concluso un percorso di transizione“, significa aprire un varco all’autodefinizione legale di genere. Insomma, schematizzando, basta dichiararsi donna (o uomo) all’anagrafe per diventarlo. Ed è sbagliato". Perché? "Nuoce ai diritti delle donne, alle nostre poche quote, alle nostre poche pari opportunità, ai nostri sport subalterni che non possono essere ceduti al primo uomo che si alza un giorno e decide di dichiararsi femmina. Non si tratta di mie elucubrazioni: a denunciare certe storture nei paesi in cui si applicano versioni aperturiste delle norme sull’omotransfobia è il femminismo internazionale. Ci sono uomini autocertificati come donne che si candidano a rappresentare settori femminili dei partiti progressisti nei paesi anglosassoni. E c’è anche l’autrice di Harry Potter, J.K. Rowling, bersagliata di insulti perché ha detto ai trans “sono vostra alleata, ma non potete pretendere che io non senta la mia identità femminile diversa dalla vostra“". È superflua una legge sull’omotransfobia? "Affatto. La legge ci vuole. Ma deve garantire la protezione delle persone omosessuali e transessuali senza promuovere, ad esempio, l’utero in affitto che è vietato dalla legge italiana". Cosa c’entra l’utero in affitto? "Se io dico che l’utero in affitto non è un modo legittimo di diventare genitori, con la Zan potrei essere ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?