Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
21 feb 2021

Le gambe amputate e lo spirito del combattente Dal campo alla vita, l’ultima lezione di Bellugi

L’ex difensore interista si è spento a 71 anni. A novembre i medici gli avevano asportato gli arti inferiori, ma non si è mai arreso

21 feb 2021
leo turrini
Cronaca

di Leo Turrini Mauro Bellugi è uscito dal campo della vita così come usciva dal campo di calcio: a testa alta. Altissima. Se ne è andato a 71 anni, stroncato da complicazioni figlie del Covid. Ma non ha sbagliato l’ultima partita: anzi, l’ha giocata anche per noi. Per tutti. L’ex difensore dell’Inter, del Bologna e della Nazionale di Bearzot era finito in ospedale alcuni mesi fa. Il virus non gli aveva fatto sconti. A novembre era arrivata la notizia che, per tentare di salvarlo, i medici erano stati costretti ad amputargli entrambe le gambe. Quelle gambe che aveva portato a spasso negli stadi più belli del mondo: lui c’era nelle mitiche sfide del 1971 tra i nerazzurri e il bionico Borussia del biondissimo Netzer (proprio ai tedeschi segnò l’unico gol in una lunghissima carriera) e lui c’era a Wembley nel 1973 quando l’Italia vinse per la prima volta in Inghilterra. E c’era ancora in Argentina nel Mundial del 1978, ponendosi come ideale anello di congiunzione tra la generazione di Facchetti e Mazzola e quella di Cabrini e Paolo Rossi. Quando i dottori gli dissero che dovevano toglierlele, le gambe del campione, beh, in quel momento Mauro Bellugi è diventato un simbolo per ognuno di noi. Per il modo in cui ha reagito, facendo, lui!, coraggio agli altri. Per la testimonianza che quotidianamente ha offerto dal letto di dolore. La pandemia proibiva le visite? E allora questo magnifico toscano si attaccava al cellulare, rilasciava interviste, ricordava l’amico Pablito, progettava un futuro con le protesi, conversava con Massimo Moratti, incitava la sua Inter. Immaginava un futuro, anche se forse aveva intuito di essere un protagonista ai tempi supplementari: ma non per questo attendeva rassegnato il fischio finale! Ah, Bellugi! Non è stata questa, sommessamente mi viene da pensare, una grande lezione? Sembrava quasi avesse compreso che ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?