20 gen 2022

Le chat con Toninelli che inguaiano Grillo

Contratti in cambio di favori, il fondatore del M5S girava le risposte dell’allora ministro delle Infrastrutture al presidente Moby

andrea gianni
Cronaca
Beppe Grillo, 73 anni, ha fondato il M5S il 4 ottobre del 2009
Beppe Grillo, 73 anni, ha fondato il M5S il 4 ottobre del 2009

Milano, 20 gennaio 2022 - Chat fra il fondatore della compagnia di navigazione Moby, Vincenzo Onorato, e Beppe Grillo, e contatti tra Grillo e parlamentari del Movimento 5 Stelle che avevano a che fare con i ministeri dello Sviluppo economico e con quello delle Infrastrutture, all’epoca guidato da Danilo Toninelli. Un dozzina di scambi di messaggi ritenuti rilevanti dagli inquirenti milanesi, che hanno intenzione di interrogare il fondatore del M5s e l’armatore napoletano, entrambi indagati per traffico di influenze illecite. Onorato, emerge dalle chat, chiese a Grillo un intervento per rinnovare la convenzione fra lo Stato e Compagnia Italiana di Navigazione per la continuità territoriale marittima. Pressing che emerge dalle conversazioni, acquisite dalla Guardia di finanza, tra Onorato e Grillo con tanto di inoltro dal secondo al primo delle riposte ricevute dall’allora ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli (non indagato, ieri ha negato pressioni da parte di Grillo) sollecitato dal ‘garante’ dei Cinquestelle. Sono almeno tre i fronti al centro delle richieste di interventi pubblici che sarebbero state avanzate dall’armatore a Grillo (che ieri ha detto di aver "la coscienza pulita"), il quale a sua volta le avrebbe girate a parlamentari M5S. Gli interventi chiesti avrebbero riguardato il contenzioso civile tra Tirrenia in amministrazione straordinaria e il gruppo Onorato, la già citata proroga della convenzione per la continuità territoriale e la limitazione dei benefici fiscali alle sole navi che imbarcano equipaggi italiani e comunitari. Le chat, che secondo l’inchiesta non lasciano dubbi sulle richieste di Onorato, riguarderebbero un quadro "complesso" con richieste anche su altri aspetti. La posta più alta in gioco erano i 72 milioni di euro l’anno di contributi statali per i collegamenti con la Sardegna: una boccata d’ossigeno per il gruppo Moby che, ancora oggi, non naviga in buone acque. Onorato avrebbe offerto, in cambio dell’impegno per condizionare ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?