Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
15 gen 2022

L’avanzata di Putin verso Ovest Da Kiev a L’Avana è guerra fredda

Gli Usa: vuole il pretesto per invadere l’Ucraina. Il Cremlino: se la Nato si allarga, pronti a intervenire a Cuba. E il mondo ripiomba nell’incubo di 60 anni fa, quando Kennedy e Kruscev evitarono l’olocausto nucleare

15 gen 2022

di Cesare De Carlo WASHINGTON La storia – sentenziava Aldous Huxley – insegna che non insegna nulla. Altro che magistra vitae! Se lo fosse non rischieremmo di ritrovarci nella situazione di 60 anni fa, quando Usa e Urss furono a un passo dalla guerra nucleare. E oggi nel pieno di una pandemia globale. Oggi l’Urss si chiama Russia e non è più la patria del comunismo. Ma con Putin ha superato gli sbandamenti del postcomunismo e ha riacquistato statura da superpotenza, mentre gli Stati Uniti sembrano avere ridimensionato la loro. Il ritiro, anzi la fuga notturna dall’Afghanistan ha inferto un colpo terribile alla credibilità dell’amministrazione Biden. Accade così – come riporta l’Associated Press – che Sergei Ryabkov, vice ministro russo degli Esteri, venga fuori con questa minaccia: "Non posso né confermare né escludere" la possibilità di inviare "apparecchiature militari" in America Latina se Usa e alleati non cesseranno l’attività militare alle porte della Russia. Il riferimento va alle progettate manovre della Nato a ridosso dell’Ucraina sotto incubo di invasione. E va anche al timore che l’Ucraina chieda di diventare membro della Nato. È un fatto che dal suicidio dell’Urss in poi Putin abbia visto cooptati nella Nato l’intera Europa orientale e i Paesi baltici. Come stupirsi che chieda "garanzie" nei negoziati di Ginevra e Bruxelles? E che alluda a interventi paragonabili agli "aiuti fraterni"? Ieri, durante la guerra fredda, miravano a bloccare le "manovre imperialistiche", oggi inseguono la geopolitica. Ma c’è un altro riferimento che ci riporta a sessant’anni fa, alle prime settimane del 1962. Missili russi tornerebbero nella Cuba castrista e sbarcherebbero nel Venezuela del veterosocialista Maduro. Dice Putin, non senza qualche ragione: se la Nato si espande all’Ucraina avremmo i missili a cinque minuti di volo da Mosca. "Siamo pronti ad adottare misure tecnico-militari". Fra queste la rinnovata installazione di basi nel cosiddetto ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?