Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
26 mag 2017

Laura Biagiotti è morta. Addio alla 'Regina del cachemere'

La stilista 73enne si è spenta alle 2.47 di questa mattina. Ha tenuto alta la bandiera del made in Italy. I funerali domani alle 11 a Roma

26 mag 2017
© Gian Mattia D'Alberto - LaPresse
26-09-2009 Milano
spettacolo
Moda donna primavera-estate 2010
sfilata Laura Biagiotti
nella foto: Lavinia, Laura Biagiotti

© Gian Mattia D'Alberto - LaPresse
26-09-2009 Milan
enterteinment
Woman fashion spring-summer 2010
Laura Biagiotti
in the photo Lavinia, Laura Biagiotti
Laura Biagiotti in passerella con la figlia Lavinia (LaPresse)
© Gian Mattia D'Alberto - LaPresse
26-09-2009 Milano
spettacolo
Moda donna primavera-estate 2010
sfilata Laura Biagiotti
nella foto: Lavinia, Laura Biagiotti

© Gian Mattia D'Alberto - LaPresse
26-09-2009 Milan
enterteinment
Woman fashion spring-summer 2010
Laura Biagiotti
in the photo Lavinia, Laura Biagiotti
Laura Biagiotti in passerella con la figlia Lavinia (LaPresse)

di EVA DESIDERIO

Roma, 26 maggio 2017 - Laura Biagiotti è morta a 73 anni alle 2.47 di questa mattina, strappata a quella vita che amava tanto. E' morta all'ospedale Sant'Andrea di Roma, dove era stata ricoverata mercoledì sera in terapia intensiva in seguito all'arresto cardiaco che l'aveva colpita nella sua residenza di Guidonia. I funerali saranno celebrati domani alle 11 alla chiesa di S.Maria degli Angeli a Roma. 

L'abito simbolo di Laura Biagiotti è quello che lei stessa ha battezzato "Bambola", un omaggio al corpo della donna, alla femminilità, alla libertà di essere belle sempre, a dispetto di anni e taglie, solo col tocco di un colore, il rosso del nastro di raso che portava sempre al collo per sfoggiare in passerella le forbici da sarta in omaggio a mamma Delia, e il bianco immacolato della fibra degli dei per l'uso eccelso della quale fu battezzata negli anni Ottanta in America "Regina del cachemere".

E regina dello stile, dell'eleganza, della cultura e degli affetti Laura Biagiotti lo era davvero, rimanendo per tutta la vita la donna appassionata e solare, la stilista coraggiosa, l'imprenditrice illuminata che ha fondato l'azienda nel 1972 dopo aver sfilato per la prima volta in Sala Bianca a Firenze e poi l'ha fatta crescere col marito amatissimo Gianni Cigna, un genio del vero Made in Italy, e poi alla sua scomparsa nel 1996 stringendo a sé ancora di più la figlia Lavinia Biagiotti Cigna fin da giovanissima in azienda e ora destinata a portare avanti da sola questa importante e dolorosa successione. Non è sola Lavinia in queste ore e non lo sarà in futuro perché Laura Biagiotti ha seminato nella sua vita tanto amore, tanta stima, tanta ammirazione e tanto rispetto.

Il sorriso aperto, le amicizie vere, con Beppe Modenese e Piero Pinto, con Carla Fracci, con Silvana Giacobini, con Nancy Brilli e coi tanti atleti dello sport che con lei al braccio ornati di medaglie ed'oro hanno percorso tante passerelle. "Moda e Sport sono lo specchio più bello della nostra Italia" diceva Laura ad ogni nuovo campione o campionessa esaltasse insieme ai suoi cashmere, ai suoi abiti da sera spesso fioriti, ai sul profumi primo su tutti "Roma" che col loro immenso successo le hanno permesso di restaurare la Scala Cordonata del Campidoglio, la Fontana di Piazza Farnese e donare alla Fenice a Venezia il Gran Sipario.

Nata a Roma il 4 agosto del 1943 dopo gli studi classici Laura Biagiotti decise di affiancare mamma Delia che aveva una ben avviata sartoria a Roma. Qui conobbe Emilio Schubert, Roberto Capucci e Rocco Barocco. Poi il salto dalle sfilate del pret a porter a Firenze verso quella moda che la porterà a primeggiare nel mondo come una delle creatrici più famose, orgogliosa di difendere sempre una sana e splendente femminilità. Amava l'arte Laura e questo amore ha percorso tutta la sua vena creativa, fin dai gioielli coi mosaici romani che collezionava, e poi le 200 opere di Giacomo Balla che fanno parte della Fondazione Biagiotti Cigna, conservate nel Castello di Marco Simone dove ha abitato serenamente fin dal 1980. E il futurismo ha pervaso tante collezioni, tra forza stilistica e rigore contemporaneo. Cavaliere del Lavoro, presidente a lungo del Comitato Leonardo per le eccellenze italiane, vicina al lavoro dei suoi dipendenti con delicatezza di famiglia, Laura Biagiotti ha sempre tenuto alta la bandiera del Made in Italy. Per questo si è impegnata fino alla fine, combattente fiera per la difesa della nostra manifattura, sulle passerelle di Milano come nei dibattiti. Una grande stilista ma soprattutto una grande donna, che si è fatta da sola, e fino alla fine ha sorriso a Lavinia e al mondo intero.

Chi scrive è stata con Laura e con Gianni Cigna alla prima sfilata della moda italiana a Pechino, nell'aprile del 1988, quando la Regina del cachemere fece sfilare per la prima volta delle ragazze cinesi di incredibile bellezza. La maison Biagiotti, in quegli anni lontani quando a Pechino andavano ancora tutti in bicicletta con aglio in sella e uccellino in gabbia, ha aperto una strada di scambi culturali e business, come Marco Polo. Poi nel 1995 la missione a Mosca, anche qui pioniera. Quel cuore grande e sincero che negli anni si è fatto sempre più debole e malato l'ha portata via alla figlia Lavinia, che sulla sua strada ha fondato la linea baby Biagiotti Dolls ed s'impegna nelle istituzioni della moda italiana, alle clienti che hanno amato e continueranno ad amare i suoi vestiti di gioia, agli amici ai quali non ha mai fatto mancare affetto e comprensione. Addio Laura, donna esemplare, grande amica, italiana fierissima. 

È morta a Roma la stilista italiana Laura Biagiotti

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?