Nemmeno l’appello di Papa Francesco ha fermato il boia del Missouri. Ernest Johnson, 61 anni, afroamericano, è stato giustiziato nel penitenziario di Bonne Terre con una iniezione di pentobarbital. L’uomo era stato condannato per un triplice omicidio commesso 30 anni fa. La morte è sopraggiunta dopo nove minuti di agonia a cui hanno assistito i suoi familiari e quelli delle vittime, mentre fuori dal carcere decine di manifestanti protestavano per la mancata clemenza nei confronti di un detenuto in condizioni di grave disagio mentale. Nella lettera del Pontefice, consegnata al governatore repubblicano del Missouri Mike Parson, si chiedeva la sospensione dell’esecuzione in nome del rispetto della dignità umana.