Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
22 giu 2022

Emergenza gas, lampioni spenti nelle città. E tagli all’energia nelle aziende

Oggi le direttive del Cts sul gas, l’Italia resta in preallarme. "Spingiamo sull’acquisto di carbone"

22 giu 2022
claudia marin
Cronaca
featured image
Gas: dove cercarlo in Italia
featured image
Gas: dove cercarlo in Italia

L’emergenza più immediata per il gas (ieri a 125 euro a megawattora, in crescita del 4% sul giorno precedente) ha un nome: stoccaggi per l’autunno-inverno, "la sfida più rilevante", avvisa il ministro Stefano Cingolani. Ma per la creazione di scorte per non rimanere a secco nei periodi più delicati, si deve agire subito. Come? Acquisti prudenziali crescenti dei gruppi industriali del settore, garanzia pubblica per eventuali perdite sul prezzo, rilancio delle centrali a carbone, possibili tagli programmati dell’elettricità alle aziende energivore e interruzioni o blackout ugualmente calendarizzati nelle grandi città, riduzione della pubblica illuminazione. E utilizzo razionato dell’aria condizionata. Sciolto o congelato il Cts per il Coronavirus, è quello per il gas, chiamato ’Comitato tecnico di emergenza e monitoraggio del sistema gas naturale’ (Ctem) e costituito al ministero della Transizione green, a dare le direttive lungo le quali si muoverà il governo e che oggi saranno dettagliate alle imprese fornitrici (Eni e Enel, in testa) in una riunione ad hoc convocata dal ministro Stefano Cingolani. L’Italia resta in pre-allarme L’Italia non dovrebbe passare dal livello di pre-allarme o "early warning" a quello di allarme o "alert" sul gas. È questo il parere del Cts. La situazione è molto chiara, il monitoraggio è già alto "stante l’attuale livello della domanda e la possibilità di adottare le misure preventive necessarie". Come dire: si può agire con le azioni che servono senza dover salire di livello. L’ultima parola spetta a Cingolani e a Palazzo Chigi: e andrà tenuto conto che il governo tedesco si appresta a passare al secondo livello. Non dimenticando che c’è anche un terzo livello, quello di emergenza ("emergency"), nel quale si interrompe il funzionamento del mercato e si opera in maniera dirigistica, con misure straordinarie. Stoccaggio a rischio È vero che dal Ctem fanno sapere di "aver fatto ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?