7 feb 2022

Napoli, tabaccaio ladro 'Gratta e vinci' era "parzialmente incapace di intendere e volere"

La conclusione della perizia su Gaetano Scudellaro, ora agli arresti domiciliari, accusato di aver rubato un biglietto da 500mila euro a un'anziana

Gaetano Scutellaro, in una foto presa dal profilo Facebook GaetanoValentina Scutellaro. L'uomo e' stato fermato nell'aeroporto di Fiumicino mentre tentava di prendere un volo per Tenerife dopo avere sottratto un biglietto "gratta e vinci" vincente da 500mila a un'anziana signora di Napoli, lo scorso 2 settembre. FACEBOOK GAETANOVALENTINA SCUTELLARO +++ATTENZIONE LA FOTO NON PUO' ESSERE PUBBLICATA O RIPRODOTTA SENZA L'AUTORIZZAZIONE DELLA FONTE DI ORIGINE CUI SI RINVIA+++ +++NO SALES; NO ARCHIVE; EDITORIAL USE ONLY+++
Gaetano Scutellaro (Ansa)

Roma, 7 febbraio 2022 - Al momento del fatto "era in uno stato di incapacità parziale di intendere e volere". Così una perizia psichiatrica disposta dal Tribunale di Napoli descrive la condizione di Gaetano Scutellaro, 58 anni, accusato di aver rubato a settembre dello scorso anno un 'gratta e vinci' da 500 mila euro a una donna di 69 anni. 

Secondo quanto viene riferito, l'uomo, ex marito della titolare della tabaccheria della zona Materdei, è accusato di furto aggravato e tentata estorsione: dopo il furto avrebbe tentato, infatti, di intavolare una 'trattativa' con una parente della vittima per la restituzione del biglietto vincente.

Scutellaro fu poi arrestato nei pressi dell'aeroporto di Fiumicino. In un colloquio con il suo legale si era detto pentito per quanto accaduto, scusandosi con tutti e in particolare con la donna: l'anziana 69enne, comunque, aveva potuto incassare la vincita dopo l'intervento dei Monopoli.

L'uomo aveva ottenuto lo scorso dicembre gli arresti domiciliari. Si attende ora la fissazione da parte del giudice del rito immediato chiesto dal pm nei suoi confronti. Secondo quanto riferì al momento dell'arresto il suo legale, Vincenzo Strazzullo, l'uomo "in quel momento non riusciva a ragionare" e lo stesso avvocato aveva ipotizzato che il suo cliente fosse "affetto da una grave malattia psichiatrica. Forse proprio per questa ragione si è reso protagonista di un atto contrario a qualsiasi logica: quel biglietto non poteva essere incassato".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?