Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
14 giu 2022

La veglia degli amici e la sedazione. "Fabio è morto, senza soffrire"

Pesaro, immobilizzato a letto da 18 anni chiedeva l’eutanasia. Il fratello: "Non siamo tristi, per lui è una liberazione"

14 giu 2022
alessandro mazzanti
Cronaca
featured image
La veglia per Fabio Ridolfi
featured image
La veglia per Fabio Ridolfi

Addio Fabio. Il cuore del lottatore si è fermato per sempre, ieri alle 17,23, dopo poco più di 6 ore di sedazione profonda. Fabio è morto a casa sua, a Fermignano, attorniato dai famigliari e dall’equipe medica che lo ha aiutato a morire. Come lui voleva, come aveva chiesto addirittura dal 2008, perché non ce la faceva più a soffrire così. Fabio è morto col sorriso sulla bocca, perchè è riuscito a fare fino all’ultimo le battute sulla sua Roma, e su Mourinho. Fabio è morto in sole 6 ore perchè il suo fisico era talmente debilitato che non ha retto neanche l’antidolorifico e il sedativo, che a volte permette ad altri di vivere ancora per giorni. La famiglia Ridolfi ha comunicato il decesso ieri attraverso l’associazione Coscioni, che li assiste da mesi. E che accusa, tramite l’avvocato Filomena Gallo e Marco Cappato: "Fabio Ridolfi è morto senza soffrire, dopo ore di sedazione e non immediatamente come avrebbe voluto". La famiglia annuncia anche lo svolgimento dei funerali in forma privata. Ma il suo ultimo desiderio Fabio ha fatto in tempo a realizzarlo. Un video in cui il capitano della Roma, Lorenzo Pellegrini, lo saluta, con tutti gli onori. E quel saluto accende lampi di felicità sulla faccia di uno che pure soffriva pene atroci da 18 anni, inchiodato a un letto, dopo quella tetraparesi irreversibile avvenuta nel febbraio del 2004. Nel video si vede Fabio che si diverte come un bambino quando, anche grazie all’intermediazione preziosa di Pierpaolo Frega, un poliziotto della Questura di Pesaro, pure lui tifoso romanista, Lorenzo Pellegrini gli parla. "Ciao Fabio – gli dice il capitano della Roma – ho sentito parlare di te e del tuo desiderio, io sono in Nazionale (Nations League, ndr), non riesco purtroppo a passare di persona ma ci tenevo tanto ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?