Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
5 ott 2021

La talpa che fa tremare Facebook "Non frena l’odio, pensa ai profitti"

L’ex manager: dopo le presidenziali americane meno censura sulle fake news pur di guadagnare. Otto denunce e documenti passati al Wall Street Journal. La società di Zuckerberg nega, ma crolla in Borsa

5 ott 2021
giampaolo pioli
Cronaca
Frances Haugen, 37 anni, ingegnere informatico, era stata assunta nel 2019
Frances Haugen, 37 anni, ingegnere informatico, era stata assunta nel 2019
Frances Haugen, 37 anni, ingegnere informatico, era stata assunta nel 2019
Frances Haugen, 37 anni, ingegnere informatico, era stata assunta nel 2019
Frances Haugen, 37 anni, ingegnere informatico, era stata assunta nel 2019
Frances Haugen, 37 anni, ingegnere informatico, era stata assunta nel 2019

di Giampaolo Pioli La "talpa bionda" esce allo scoperto e Facebook torna a tremare. Frances Haugen, l’ingegnere informatico di 37 anni che ha accusato il colosso dei social di aver ridotto la censura sull’odio e le fake news pur di aumentare i profitti, passando documenti interni al Wall Street Journal e consentendo al giornale una serie di scoop, domenica sera è stata ospite del più autorevole programma d’inchiesta televisivo americano, "60 Minutes", della Cbs per metterci la faccia. Haugen, assunta per guidare il team sull’integrità civica poi chiuso al termine delle elezioni presidenziali, ha spiegato che ambiente ha trovato, a suo dire, all’interno di Facebook, dove lei ha lavorato tra il 2019 e i primi mesi del 2020, e ha raccontato perché se ne è andata. "A un certo punto dopo le elezioni del 2020 – ha detto la 37enne – ho visto ripetutamente conflitti di interesse fra quello che era buono per il pubblico e quello che era buono per Facebook, e Facebook ogni volta ha scelto quello che era meglio per lei e i suoi profitti". Il colosso di Mark Zuckerberg, magnate 37enne, che aveva già perso la verginità nel 2016 con lo scandalo di Cambridge Analytica la società inglese di "Global Election Management" che di fatto era entrata in possesso pagandoli profumatamente dei dati sensibili degli utenti del social, stando alle accuse di Haugen non avrebbe perso il vizietto. Anzi – in base ad almeno otto denunce presentate dalla ex product manager alla Securities and Exchange Commission e alle rivelazioni passate al Wall Street Journal, Facebook avrebbe deliberatamente lasciato nel sistema anche materiale di disinformazione e di odio perché portava vantaggi e denaro. "Di fatto – ha raccontato l’ingegnere informatico – non avrebbe messo alcun freno quando affioravano pericolose anomalie totalmente contrarie alla verità e i siti si imbottivano ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?