Una grande sfera con la duplice funzione di aumentare gli spazi di lavoro e offrire 5 nuove porte di attracco per le altre capsule spaziali: la Stazione Spaziale Internazionale (Iss) ora

si allarga con il nuovo modulo russo Prichal. L’aggancio del nuovo modulo di 14 metri cubi, avvenuto ieri alle 16:19 ora italiana, rappresenta un nuovo importante passo in avanti nei programmi di ’ristrutturazione’ della Iss e testimonia il rinnovato interesse per la creazione di avamposti spaziali abitabili. Il nuovo modulo, il cui nome in russo significa ’porto’,

è una sorta di sfera schiacciata di 3,5 metri per 5, pesante 4 tonnellate, e un volume complessivo di 14 metri cubi, circa il doppio di una capsula Dragon Cargo di SpaceX. Prichal è uno degli elementi chiave del programma russo di rinnovamento per aumentare gli spazi e le potenzialità della Stazione Spaziale Internazionale, il cui destino nei prossimi anni, sia da parte dell’Europa che degli Stati Uniti, non è in realtà ancora stato ben definito. Il modulo ha attraccato regolarmente al modulo Nuaka, che fino a poche ore prima era occupato da un cargo Progress che è stato fatto sganciare e bruciare al rientro nell’atmosfera.