Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
13 giu 2022

La sinistra unita è in testa Ma Macron ha più seggi

Francia, astensione record al primo turno delle legislative: vota il 52%. Il presidente indebolito spera nel ballottaggio. Disfatta di Zemmour

13 giu 2022
giovanni serafini
Cronaca
Il presidente Emmanuel Macron, 44 anni, ieri al seggio insieme alla moglie
Il presidente Emmanuel Macron, 44 anni, ieri al seggio insieme alla moglie
Il presidente Emmanuel Macron, 44 anni, ieri al seggio insieme alla moglie
Il presidente Emmanuel Macron, 44 anni, ieri al seggio insieme alla moglie
Il presidente Emmanuel Macron, 44 anni, ieri al seggio insieme alla moglie
Il presidente Emmanuel Macron, 44 anni, ieri al seggio insieme alla moglie

di Giovanni Serafini Il Chavez francese, l’ex trotzkista che contesta la Nato e l’Unione europea, il rivoluzionario egocentrico che piace ai giovani e alle classi sfavorite, ha vinto (in parte) la sua scommessa. Alla testa della coalizione di sinistra che ha messo in piedi in poche settimane, la "Nupes" (Nouvelle Union populaire, écologique et sociale), Jean-Luc Mélenchon ha ottenuto ieri al primo turno delle legislative il 26,20% dei voti. È il risultato più alto, leggermente superiore a quello di Ensemble, la coalizione della maggioranza presidenziale uscente guidata da Emmanuel Macron, che secondo le prime stime è al secondo posto con il 25,80%. Un successo innegabile per il tribuno della gauche, che alleandosi a socialisti, comunisti ed ecologisti si è imposto come leader dell’opposizione, ma che non riuscirà, a causa del meccanismo elettorale con il sistema maggioritario uninominale, a confermare il primato al secondo turno, domenica prossima. Le proiezioni sul numero dei seggi nella futura Assemblea nazionale fotografano con chiarezza la situazione: la Nupes avrà da 170 a 220 seggi, mentre il partito di Macron si aggiudicherà da 270 a 310 seggi. È da ricordare che per la maggioranza assoluta in Parlamento occorrono 289 seggi (su un totale di 577): quelli che eventualmente mancheranno ad Ensemble saranno facilmente trovati nei ranghi di Lr, il partito della destra gollista, che dovrebbe ottenere da 40 a 60 deputati. Difficile dunque che Mélenchon, anche perfezionando il proprio exploit fra una settimana, possa pretendere che Macron gli conferisca l’incarico di primo ministro. Si apre comunque per il presidente un periodo molto difficile; non solo perché i numerosi parlamentari della sinistra faranno di tutto per bloccare le sue riforme (prima fra tutte quella sull’età della pensione, che Macron vuole portare da 60 a 65), ma anche perché un ulteriore sbarramento verrà attuato dal partito di ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?