Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
20 mag 2022

La Russia adesso parla di trattativa Merito delle armi occidentali a Kiev?

Draghi in aula: svolta possibile perché l’Ucraina ha potuto difendersi. Gli analisti: la linea dura darà i suoi frutti

20 mag 2022
alessandro farruggia
Cronaca

di Alessandro Farruggia Le armi occidentali, unite alla determinazione dei combattenti ucraini, stanno impedendo la vittoria di Mosca e spingono il Cremlino, seppure ancora con posizioni massimaliste, verso la trattativa. I segnali sono parecchi. Ieri c’è stato il primo colloquio telefonico, sollecitato da Washington, tra i capi di stato maggiore di Usa e Russia. Il primo dall’inizio della guerra. I generali Valery Gerasimov e Mark Milley, ha detto Mosca, hanno discusso una "serie di questioni di interesse, tra cui l’Ucraina". Il Pentagono ha confermato, sottolineando che i generali "hanno concordato di mantenere aperte le linee di comunicazione". Il Pentagono ha anche detto che "nonostante i successi delle forze ucraine a Kharkiv", l’esercito russo continua la pressione sul Donbass "dal quale sarà difficile scacciarlo". Ma c’è dell’altro. "La Russia è pronta a tornare ai negoziati con l’Ucraina se Kiev esprimerà disponibilità a tornare anche lei al tavolo" ha detto ieri il viceministro degli Esteri Andrei Rudenko. "Non offriteci un cessate il fuoco – è stata la replica di Mikhailo Podolyak, consigliere di Zelensky per i negoziati – questo è impossibile senza il ritiro totale delle truppe russe". Resta il fatto che Mosca dà segnali di dialogo e la lettura occidentale – “filo Putin“ e pacifisti a parte – è che l’pertura è stata possibile grazie al sostegno militare a Kiev. "Se oggi possiamo parlare di un tentativo di dialogo – ha detto ieri Mario Draghi – è grazie al fatto che l’Ucraina è riuscita a difendersi" e dunque "l’Italia continuerà a sostenere il governo ucraino nei suoi sforzi per respingere l’invasione russa". Premesso che "dovrà essere l’Ucraina, e nessun altro, a decidere che pace accettare" ha sottolineato Draghi "l’Italia con i partner europei e gli alleati si muoverà per cercare ogni possibile mediazione" perché "è tempo di parlare di pace". "Sono completamente ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?