di Deborah Bonetti "Il mio caro papà era una persona speciale e sarebbe commosso per le tante belle cose dette su di lui". Il principe Carlo rompe il silenzio e, in una Londra vestita a lutto per la morte del duca di Edimburgo, Filippo, ringrazia chi in Gran Bretagna e nel resto del mondo ha inviato messaggi di condoglianze e supporto alla Royal Family. "Sosterranno me e la mia famiglia in questo periodo particolarmente triste", ha aggiunto l’erede al trono del Regno Unito. Nel frattempo Buckingham Palace ha reso noto i primi dettagli sul funerale del principe consorte della Regina, in programma sabato prossimo, 17 aprile, alle 16 (ora italiana) preceduti da un minuto di silenzio in tutto il regno. Le esequie saranno celebrate...

di Deborah Bonetti

"Il mio caro papà era una persona speciale e sarebbe commosso per le tante belle cose dette su di lui". Il principe Carlo rompe il silenzio e, in una Londra vestita a lutto per la morte del duca di Edimburgo, Filippo, ringrazia chi in Gran Bretagna e nel resto del mondo ha inviato messaggi di condoglianze e supporto alla Royal Family. "Sosterranno me e la mia famiglia in questo periodo particolarmente triste", ha aggiunto l’erede al trono del Regno Unito. Nel frattempo Buckingham Palace ha reso noto i primi dettagli sul funerale del principe consorte della Regina, in programma sabato prossimo, 17 aprile, alle 16 (ora italiana) preceduti da un minuto di silenzio in tutto il regno. Le esequie saranno celebrate dall’arcivescovo di Canterbury, la massima autorità ecclesiastica anglicana, e trasmesse in diretta televisiva. Rimarranno, però, sostanzialmente private.

Tra gli invitati alla cerimonia funebre – saranno al massimo 30 a causa delle restrizioni per il Covid – sono confermati il principe Harry (in arrivo da Los Angeles) e la famiglia reale al completo che seguirà il feretro di Filippo (trasportato su una Land Rover modificata) fino alla volta reale nelle cripte della cappella di San Giorgio, a Windsor, dove sono sepolti anche i re Enrico VIII, Giorgio VI (padre dell’attuale Regina) e tanti altri. Il premier Boris Johnson non ci sarà in modo da poter cedere il suo posto a un membro della Royal family.

Il 36enne Harry, che potrebbe sfruttare il funerale del nonno per tentare di ricucire lo strappo con il resto dei reali a seguito dell’intervista-bomba, arriverà da solo, perché la moglie americana Meghan (39) è troppo avanti con la gravidanza per potersi spostare (i due aspettano una bimba). La Regina ieri ha permesso che si twittasse dall’account reale una sua frase al marito, pronunciata nel 1997 e rimasta storica: "Lui è stato semplicemente la mia forza e il mio sostegno in tutti questi anni, ed io e la sua intera famiglia gli dobbiamo più di quanto mai pretenderebbe lui e più di quanto mai immagineremmo noi".

I figli della quasi 95enne Elisabetta II (compie gli anni il 21 aprile) si sono alternati al suo fianco, primo fra tutti l’erede al trono Carlo, 72 anni, arrivato nel pomeriggio di venerdì. Poi sono giunti Andrea, 61, ora malvisto dalla maggioranza degli inglesi a causa del suo legame con il pedofilo americano Jeffrey Epstein, e il cadetto Edoardo, 57, che erediterà dal padre il titolo di duca di Edimburgo. Sophie, moglie di Edoardo, ieri ha dichiarato tra le lacrime: "La Regina è eccezionale". La principessa Anna, 70, la secondogenita di Elisabetta e Filippo e notoriamente la più legata al padre fra tutti i fratelli, ha espresso la sua profonda tristezza dicendo: "Nulla sarà mai più lo stesso per noi da adesso in poi".

Ieri il paese si è svegliato nel cordoglio, con i giornali che hanno dedicato poster e inserti al principe (il Daily Mail addirittura uno ’speciale’ di 144 pagine), mentre tv e radio hanno trasmesso ore di servizi su Filippo. La marina, a cui il duca era particolarmente legato e le intere forze armate lo hanno omaggiato con 41 colpi di cannone sparati a salve da una serie di location, compreso Hyde Park a Londra, il castello di Edimburgo, la rocca di Gibilterra e diverse navi da guerra della Royal Navy. Le partite di calcio e rugby hanno visto i giocatori uscire dal campo con una fascia nera al braccio. Persino i fantini del Grand National hanno mantenuto un minuto di silenzio per ricordare Filippo, grande amante delle corse ippiche.

Tutte le bandiere del regno sono scese a mezz’asta, tranne lo standardo reale a Windsor (si abbassa solo in caso di morte della sovrana) e il paese intero sarà a lutto per 8 giorni, fino al giorno del funerale.