25 apr 2022

La ragazza che ha ballato con i lupi "Io li conosco: non sono così cattivi"

La zoologa Mia Canestrini e i dieci anni di studio nei boschi sull’Appennino. "Una passione nata fin da bambina"

simone arminio
Cronaca

di Simone Arminio C’è una foto di Mia Canestrini – zoologa bolognese (e un po’ romagnola, di Bagno di Romagna, per parte di padre), 40 anni quest’anno – in cui accovacciata per terra in montagna tiene in braccio un cucciolo di lupo, e lo allatta con un biberon. Era cinque anni fa. La ‘Ragazza dei lupi’, come recita il titolo del suo primo libro edito da Piemme, oggi non vive più sui monti, ma gira l’Italia a fare la divulgatrice scientifica. Per tutti, però, e forse un po’ anche per lei, rimarrà sempre la 27 enne che nel 2009 ha accettato di andare a vivere per dieci anni da sola in mezzo al bosco, a Montecagno, sull’Appennino reggiano, per vedere da vicino un lupo com’è. Canestrini, oggi può dirlo: ma chi glielo ha fatto fare? "Non è stata una scelta, ma una necessità. Avevo vinto un concorso per lavorare al mio primo progetto scientifico sul lupo. Faceva parte del progetto il doversi trasferire nel Parco Nazionale che ospitava il progetto". I suoi genitori si saranno preoccupati. "Erano felici di vedermi entrare nel mondo del lavoro. E un po’ perplessi, è vero, per la location". Descriviamola. "Boschi, alberi, lupi. Un’ora e mezza dal primo casello autostradale, 45 minuti dal primo ospedale o supermercato. Inverni lunghi otto mesi, temperature artiche e vita sociale pari a zero". Oggi ci tornerebbe? "A lungo andare mi è pesato. Ma all’inizio c’era tutta l’esaltazione del primo incarico professionale, nell’ambito che ho amato fin da bambina". Ecco, allora, torniamo indietro. Come si diventa lupologa? "La passione che coltivo da quando sono nata è per la zoologia. I lupi sono arrivati dopo, diventando la mia specialità". E cos’hanno di speciale? "Non sono mai scontati. Sono problematici, occupano tutti gli spazi e generano grandi e continui conflitti con gli allevamenti e con le comunità locali. Non permettono insomma mai di annoiarti: devi ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?