27 mag 2021

La rabbia dei parenti: è uno schifo "I nostri cari uccisi per i soldi"

Sale l’indignazione verso i tre indagati. La figlia di una delle vittime: "Non perdonerò mai gli assassini"

valentina rigano
Cronaca
Una parente dei morti israeliani piange sulla bara bianca del piccolo Tom: aveva 2 anni, è la vittima più giovane della strage
Una parente dei morti israeliani piange sulla bara bianca del piccolo Tom: aveva 2 anni, è la vittima più giovane della strage
Una parente dei morti israeliani piange sulla bara bianca del piccolo Tom: aveva 2 anni, è la vittima più giovane della strage

di Valentina Rigano e Sonia Ronconi VEDANO OLONA (Varese) "Fa schifo pensare che siano morti per i soldi, sempre i soldi che stanno dietro a tutto". È un urlo di dolore e delusione quello di Corrado Guzzetti, lo zio del piccolo Mattia, 5 anni, morto nello schianto di Stresa insieme al papà, Vittorio, e alla sua nuova compagna, Elisabetta. Dentro le sue parole lo sconcerto e una dura accusa alle istituzioni. "Ci hanno detto che si sarebbero fatti i funerali di Stato e che avrebbero pensato a tutto loro, poi si sono rimangiati tutto, negandosi al telefono", attacca. "Sono amareggiato per me e per i miei nipoti e voglio smascherare a nome di tutte le vittime queste promesse da marinaio fatte dalla politica". Poi, pensando ai sacrifici dei suoi nipoti, a un funerale promesso e poi negato, ha aggiunto: "Dove sono gli aiuti delle belle parole dette per tenere buoni quelli che ancora ci credono? L’unica vicinanza sincera è stata quella dell’arma dei carabinieri, soprattutto di Stresa e Verbania, il resto è stata la solita politica dello scaricabarile". C’è chi grida di rabbia e chi si chiude nel silenzio, davanti a una morte senza spiegazioni se non la ricerca disperata e inumana di profitto, fra i familiari delle vittime della funivia di Mottarone. I tre fermi dell’altra notte sono sale su una ferita fresca. "Me li avete ammazzati, non vi perdonerò mai", scrive, lapidaria, sul proprio profilo Instagram Angelica Zorloni, figlia di Vittorio, pensando al fratellino di 5 anni e alla donna di 37 con cui il padre, con cui aveva un rapporto travagliato, stava per rifarsi una vita. Qualche chilometro più in là, in Brianza, un altro pezzo della famiglia del cinquantacinquenne vive ore disperate. "Ce lo aspettavamo – dice Beatrice, nipote di Vittorio, rimasta nella casa di Baruccana di Seveso ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?