Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
3 giu 2022

La profezia di Di Maio: è il Papeete 2. "Salvini ha deciso di far cadere Draghi"

Il leghista attacca il ministro: "Non è credibile". La replica: "Come nel 2019, vuole staccare la spina"

3 giu 2022
elena g.polidori
Cronaca
Matteo Salvini la scorsa estate in consolle al Papeete Beach di Milano Marittima
Matteo Salvini in consolle al Papeete Beach di Milano Marittima (Ansa)
Matteo Salvini la scorsa estate in consolle al Papeete Beach di Milano Marittima
Matteo Salvini in consolle al Papeete Beach di Milano Marittima (Ansa)

Roma, 3 giugno 2022 - L’ombra di un nuovo "Papetee" si allunga sulla maggioranza e sulla tenuta del governo Draghi. Questa volta non è il premier, come avvenuto nei giorni scorsi, a bacchettare (senza nominarlo) Matteo Salvini per via del contestato viaggio a Mosca. Ma il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, di cui il leader della Lega ha messo in dubbio la credibilità all’estero. Il titolare della Farnesina stavolta ha reagito. E in modo molto duro. "Le critiche di Salvini? Mi sembra un film già visto – ha attaccato l’ex capo politico del M5s –, ricordate quando fece cadere il governo Conte I? Iniziò tutto così, criticando i vari ministri del governo fino a staccare la spina. Spero di non rivedere lo stesso film. Chi spiegherà poi agli italiani che, a causa di una crisi estiva immotivata, abbiamo bruciato i 200 miliardi del Pnrr? Lavoriamo tutti per la pace, rispettando alleanze e partner internazionali", ha concluso Di Maio. D’altra parte, Salvini in questi giorni ha attaccato un po’ tutti per difendere l’idea del viaggio a Mosca, persino il Copasir, reo di aver espresso interessamento sulle sue attività: "Sono sconcertato da ipotesi di inchieste, Copasir, chiarimenti, come se non fosse diritto di un parlamentare italiano lavorare per la pace con chiunque possa portare la pace". E ancora: "La pace merita qualunque tipo di incontro. Tutti sapevano, non so quante decine di volte ho dichiarato che stavo lavorando e incontrando, non sostituendomi a nessuno ma aiutando qualcuno", aveva puntualizzato. Ieri, infine, un altro passo avanti: "Rivendico il diritto di incontrare ambasciatori, ministri, sindaci e governi da capo di un partito che rappresenta milioni di italiani nel nome della pace. Continuerò a farlo tranquillamente. A me interessa raggiungere un risultato. Se lo ottengo da Milano, da Roma, da Pechino o da Mosca, è ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?