Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
17 feb 2022

La politica decida E la magistratura non remi contro

17 feb 2022

Pierfrancesco De Robertis Girandosi dall’altra parte per non mettersi contro quei settori della magistratura che volevano continuare a ignorare un doveroso e salutare processo di autorinnovamento. I referendum ammessi ieri dalla Consulta scuotono il Palazzo, e la grande partecipazione alla raccolta delle firme nei mesi scorsi racconta la voglia di chiarezza diffusa. Molto diffusa, non solo tra gli addetti ai lavori o in chi partecipa più attivamente al dibattito pubblico. Non c’è infatti solo il tema della politicizzazione di parte della magistratura, che pure è tanta roba, ma anche quello dell’inefficienza della macchina giustizia "semplice" che purtroppo tanti cittadini, in sede penale e civile, hanno toccato con mano. La prima condizione per uscire dall’impasse, che sia con i referendum o nelle modifiche in discussione, è che la magistratura non pretenda di dettare sic et simpliciter le regole. Giusto chiedere che le riforme non siano punitive, ma le toghe non si dimentichino che sono state la loro autorefenziaralità, il loro immobilismo, la loro voglia di impunità, il desiderio di conservare rendite di posizione o di assumere ruoli impropri a originare il crac, e chi è causa di un problema non può essere anche parte della soluzione. Poi c’è la politica, una parte della politica, ovviamente parliamo della sinistra, che deve riacquisire il proprio ruolo, meglio, la coscienza del proprio ruolo. Che in un sistema maturo la vede al vertice della rappresentanza democratica in quanto depositaria della volontà popolare. Ecco, sono loro, la magistratura e la politica che finora ha marcato visita, a non dover scappare da questa prova di democrazia che sono i referendum o (se mai arriveranno) le riforme davvero incisive. Una eventuale scelta del Pd di rifugiarsi nella ricerca del mancato-quorum, o l’inseguimento di simil-riforme fatte solo per guadagnare tempo taglierebbero quell’esile filo rimasto che tiene ancora insieme la società. L’"obiezione di coscienza ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?