Le autorità sanitarie cipriote hanno reso noto di aver individuato 25 casi di un nuovo tipo di Covid-19 che combina le varianti Delta e Omicron e per questo è stato chiamato Deltacron. "Attualmente abbiamo co-infezioni di Omicron e Delta. Abbiamo trovato una variante che combina entrambe", ha dichiarato il professor...

Le autorità sanitarie cipriote hanno reso noto di aver individuato 25 casi di un nuovo tipo di Covid-19 che combina le varianti Delta e Omicron e per questo è stato chiamato Deltacron. "Attualmente abbiamo co-infezioni di Omicron e Delta. Abbiamo trovato una variante che combina entrambe", ha dichiarato il professor Leondios Kostrikis, docente di Biologia all’università di Cipro e direttore del laboratorio di Biotecnologia e Virologia molecolare.

Intervistato dall’emittente Signa tv, Kostrikis ha affermato che la nuova variante ha la firma genetica di Omicron e il genoma di Delta. Al momento l’equipe di Kostris ha identificato 25 casi di Deltacron, sottolineando che sono più frequenti fra pazienti ricoverati per il Covid che fra positivi non ospedalizzati. Campioni prelevati dai 25 pazienti sono stati inviati alla base dati internazionale Gisaid del’Istituto Pasteur a Parigi, che pubblica le sequenze ufficiali delle nuove varianti dell’influenza e il Covid-19.

Proprio in Francia qualche giorno fa era scattato l’allarme sulla possibilità che ci fosse un nuovo ceppo tutto transalpino del Coronavirus che evidentemente ha una grande capacità di mutare per adattarsi al corpo umano e ’convivere’ con questo.

"Vedremo in futuro se questa variante è più patologica e contagiosa, e se si imporrà", ha detto Kostris. Il professore ritiene tuttavia che probabilmente Deltacron verrà eclissata da Omicron, ritenuta più contagiosa. Quel che sappiamo al momento è che, se messe a confronto le due varianti madri di Deltacron, Omicron è molto più contagiosa, mentre la Delta risulta più aggressiva.