27 feb 2022

"La Nato starà alla larga dal conflitto Nessuno vuole una guerra nucleare"

Il generale Bertolini: "Lo scontro non va generalizzato. Per Putin inviare armi in Ucraina è un atto ostile"

beppe
Cronaca

di Beppe Boni Sul terreno ucraino la Grande Madre Russia lancia l’offensiva a tutto campo, mentre la tensione sale come alta marea nella Situation room dei Paesi che ruotano intorno alla Nato. I confini bruciano sul fronte dell’Est. Fino che punto l’Alleanza atlantica rischia coinvolgimenti? Lo chiediamo al generale Marco Bertolini, paracadutista, già comandante delle Forze speciali e primo ufficiale italiano nominato capo di Stato maggiore nella missione Isaf in Afghanistan. Perché a un recente vertice sono state invitate Svezia e Finlandia, esterne alla Nato? "La Russia, infatti, ha protestato. La Nato è una creatura degli Stati Uniti che operano per un accerchiamento della Russia, dai Paesi baltici in giù". Un film già visto. "Finché c’erano Gorbaciov e Yeltsin la Russia incassava più facilmente. Putin ha rivitalizzato le forze armate e rinvigorito l’orgoglio nazionale. E non vuole essere accerchiato". La Nato deve mettere in conto scontri ai confini baltici? "Farà di tutto per evitarlo perché non ci sono i presupposti. L’Ucraina è fuori dalla Nato. Certo è che la Russia non cede e vede l’avvicinamento della Finlandia come un’altra minaccia. Gli Usa premono verso una riedizione della Guerra fredda e l’Europa in questo senso rischia di essere un campo di battaglia". La Nato si rinforza sui confini baltici, in Polonia, Romania. "Questi schieramenti sul terreno e con aerei intercettori di Air policy esistono da sempre. E ovvio che ora aumentino". In caso di incidente bellico fra uomini dell’Alleanza e russi si rischia la deriva nucleare? "Qualche scaramuccia è teoricamente possibile, per quanto improbabile, ma a nessuno conviene un conflitto nucleare. È l’estrema ratio". Eppure il mondo ha paura. "Proprio perchè sono potenze nucleari Usa e Russia non sono mai venute direttamente alle mani. Hanno rischiato con la crisi dei missili di Cuba. Poi stop". Come ne usciamo? "Qui si affrontano due Stati sovrani. L’Alleanza non ha i presupposti per intervenire e va evitato un ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?