21 apr 2022

"La mamma può fermare il Ramadan del figlio"

Il tribunale di Ancona accoglie il ricorso contro il padre: stop al digiuno. "Il 13enne è indebolito e il suo rendimento a scuola peggiora"

marina verdenelli
Cronaca
Alcuni ragazzini afgani leggono il Corano a Kandahar durante il mese del Ramadan
Alcuni ragazzini afgani leggono il Corano a Kandahar durante il mese del Ramadan
Alcuni ragazzini afgani leggono il Corano a Kandahar durante il mese del Ramadan

di Marina Verdenelli Il padre era d’accordo, la madre no. Adesso ci ha pensato il giudice a mettere fine al Ramadan per un 13enne il cui digiuno religioso poteva pregiudicare il rendimento scolastico e persino l’imminente esame di terza media. Niente più Ramadan per Paolo, il nome è di fantasia, nato da padre musulmano e madre italiana. La decisione è stata presa dal giudice Alessandro Di Tano, del Tribunale civile di Ancona, accogliendo in via d’urgenza il ricorso che la mamma ha presentato tramite gli avvocati Andrea Nobili e Bernardo Becci del foro dorico. "È la prima decisione del suo genere in Italia – spiega Nobili – che tocca il delicato tema del diritto alla salute in relazione alle prescrizioni religiose". Adesso sarà la donna a decidere per il figlio, in via esclusiva e anche in assenza del consenso dell’altro genitore, fino all’udienza che il giudice Di Tano ha fissato più avanti e nella quale sentirà direttamente il parere del 13enne. Dopo la sua audizione lo stesso giudice deciderà se confermare, revocare o modificare il provvedimento già espresso. La coppia, lei adesso vive ad Ancona, si era spostata con rito civile alcuni anni fa perché di religioni diverse ma poi si è separata. Entrambi hanno l’affido condiviso del minore che è rimasto a vivere in casa con la madre, ad Ancona. Il padre si trova all’estero e stando alla ex compagna riuscirebbe ad esercitare, anche a distanza, una forma di condizionamento nel figlio che nell’osservare il digiuno però (lo aveva iniziato già da nove giorni) stava andando in contro a dei problemi di salute. Per la mamma il figlio si stava debilitando e il non mangiare stava pesando sul suo rendimento scolastico. Così a pochi giorni dall’inizio del digiuno la donna ha presentato istanza al Tribunale dove chiedeva, con provvedimento immediatamente esecutivo, ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?