Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
12 giu 2022

La madrina Elodie: "Dove c’è l’amore c’è la verità"

I 900mila del "Gay pride" chiedono l’approvazione del ddl Zan. In prima fila sindaco e governatore

12 giu 2022
antonella coppari
Cronaca

di Antonella Coppari Avevano promesso fin dal titolo della manifestazione di tornare "a fare rumore" e lo hanno fatto davvero. Canti e balli, carri e altoparlanti, costumi e make up da carnevale di Rio: insomma, lo spettacolo oramai abituale in tutto il mondo dei gay Pride. Ad esaltare l’orgoglio non solo dei gay ma anche di lesbiche, transessuali e transgender ieri pomeriggio a Roma sono stati in tanti: 900mila persone secondo gli organizzatori (25 mila per la polizia), che al grido di ’Peace & Love’ hanno danzato da piazza della Repubblica fino ai Fori Imperiali, dove la madrina, Elodie, ha concluso la festa arcobaleno. In prima fila, figure pubbliche direttamente coinvolte anche se non più parlamentari, come Vladimir Luxuria che chiede al Comune di dedicare una piazza della capitale a Raffaella Carrà, da sempre icona del Movimento. O l’ex governatore pugliese Nichi Vendola. Molto atteso, non si è invece accodato al variopinto corteo il segretario del Pd, Enrico Letta. Non che la sua presenza in carne ed ossa fosse davvero necessaria: quella politica è, infatti, al di sopra di ogni sospetto e di esponenti democratici e di sinistra ce n’erano a mucchi a ’riappropriarsi’ di questo popolo festante che torna in piazza dopo due anni. Dall’ex presidente della Camera, Laura Boldrini, alla senatrice Monica Cirinnà, che dei diritti civili ha fatto da anni il suo cavallo di battaglia anche elettorale. Da Filippo Sensi a Matteo Orfini a Marco Furfaro, che dice: "Questo è il paese reale, si approvi il ddl Zan". E poi naturalmente i rappresentanti delle istituzioni locali, il sindaco e presidente della regione Lazio , che però incidentalmente sono anche entrambi dirigenti di primissimo piano del partito: l’ex ministro Roberto Gualtieri e l’ex segretario Nicola Zingaretti. Non che ci fosse solo la sinistra a ballare fianco a fianco ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?