Matteo Massi Il medico in questione aveva fatto ricorso contro la sospensione dall’Ordine dei medici per non essere vaccinato. Chi ha, invece, citato indirettamente Ippocrate è Umberto Gnudi, primario facente funzioni del Pronto Soccorso di Pesaro. I Pronto Soccorso sono, di nuovo, presi d’assalto, perché aumentano i contagi che spesso sfociano in ricoveri, perché molti hanno preferito...

Matteo

Massi

Il medico in questione aveva fatto ricorso contro la sospensione dall’Ordine dei medici per non essere vaccinato. Chi ha, invece, citato indirettamente Ippocrate è Umberto Gnudi, primario facente funzioni del Pronto Soccorso di Pesaro. I Pronto Soccorso sono, di nuovo, presi d’assalto, perché aumentano i contagi che spesso sfociano in ricoveri, perché molti hanno preferito non vaccinarsi. E convinti, a proposito di pensiero unico, che il loro sia il solo (di pensiero) da imporre, vorrebbero raccontare a un medico che è ogni giorno sul campo, come li dovrebbe curare. Perché il vaccino – che ha avuto comunque una validazione scientifica – è il male assoluto. Il post che il dottor Gnudi ha scritto sulla propria bacheca Facebook è molto umano, perché questi medici, nel corso di una pandemia che ha colpito pesantemente tutto il mondo, soprattutto nella prima fase, si sono ritrovati senz’armi contro il virus e hanno visto morire le persone in ospedale.

Si dà il caso, però, che da un anno ci siano i vaccini e che quei vaccini siano riusciti a fornire una protezione contro il dilagare del virus. Però nei Pronto Soccorso accadono ancora scene come quelle descritte dal dottor Gnudi. E lui, come molti altri suoi colleghi, umani, stanno perdendo la pazienza: perché se gli ospedali si riempiono (e i numeri lo confermano) di non vaccinati (per loro scelta), si restringono le risorse e i posti per chi ha altre patologie (anche gravi) e il costo della pandemia rischia di diventare ben più ingente e tragico. Più che libertà di non vaccinarsi è puro egoismo, perché si guarda a se stessi e non agli altri. E così in quel post – che ha raccolto la solita pioggia di insulti No vax ma anche parecchia solidarietà – il primario di Pesaro si affida al senso di quel giuramento: "Vi curerò, perché è il mio mestiere, ma non vi parlerò".

Ippocrate ci continua a dare una lezione. Anche dopo migliaia di anni. E noi che pensavamo di essere (così) evoluti.