Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
4 giu 2022

Omicidio Ciatti, la grande paura del padre: "Ora il killer può scappare"

Luigi Ciatti contesta il verdetto: bene la condanna, ma l’omicida resta libero. "L’assoluzione dell’altro ceceno? Sbagliata, ha impedito a Niccolò di difendersi"

4 giu 2022
stefano brogioni, inviato a girona
Cronaca
I genitori di Niccolò Ciatti, Cinzia e Luigi,. hanno seguito ogni fase del processo
I genitori di Niccolò Ciatti, Cinzia e Luigi, hanno seguito ogni fase del processo
I genitori di Niccolò Ciatti, Cinzia e Luigi,. hanno seguito ogni fase del processo
I genitori di Niccolò Ciatti, Cinzia e Luigi, hanno seguito ogni fase del processo

Girona (Spagna), 4 giurno 2022 - La contentezza non c’è. Non è mai entrata nel palazzo di giustizia di Girona e non abita più in casa Ciatti da quella notte del 12 agosto di cinque anni fa, segnata dalla morte ad appena 21 anni, di Niccolò. Ora, la condanna per omicidio volontario di Bissoultanov è annacquata dall’assoluzione dell’amico, Movsar Magomadov, non ritenuto complice di quell’azione che i legali della famiglia ritenevano invece coordinata. Luigi, accanto alla moglie Cinzia e alla figlia Sara, vicino all’avvocato italospagnolo che li ha seguiti, Christian Maiolo, ha ascoltato il verdetto dei giurati in silenzio. È rimasto composto, anche quando ha capito che almeno il pericolo che l’omicidio di suo figlio Niccolò fosse ridimensionato in un incidente, era scampato.

Ma?

"Fino a quando non ci sarà sentenza non sapremo che condanna subirà. E soprattutto, l’assassino è libero. Ci lascia perplessi il fatto che una persona che venga riconosciuta colpevole di omicidio volontario non vada subito in carcere. È un piccolo passo verso quella giustizia che Niccolò deve avere, che non ha una conseguenza immediata".

Quando ha capito che era stato condannato per il reato più grave, cosa avete provato?

"Non abbiamo emozioni. Dopo quello che è stato fatto a Niccolò, e quello che di conseguenza abbiamo subito noi, non proviamo né soddisfazione, né gioia. Ma chi compie questi atti deve pagare".

Pensa che potrà fuggire?

"Lui resterà all’obbligo di firma, sappiamo che non ha il passaporto, credo che non abbia interesse a fuggire dalla Spagna, però il timore che scappi c’è".

L’altro ceceno, Magomadov, è stato invece assolto.

"Assurdo. Penso che non abbiano visto con attenzione il video. Con il suo intervento, ha distratto Niccolò, che non si è difeso dal calcio mortale di Bissoultanov".

Cosa si aspetta adesso?

"Tutto questo va bene, prendiamo atto di questa richiesta di condanna da parte della pubblica accusa e ci auguriamo che adesso il giudice applichi il massimo della pena. Bisoultanov è un ragazzo giovane, i 24 anni richiesti dal pubblico ministero sono tanti, ma gli anni che ha tolto a Niccolò sono infiniti. Mi auguro che non ci sia nessuna riduzione".

Per la moglie Cinzia, è stata una prova durissima anche dal punto di vista emotivo. "Essere lì, in aula, vicino a chi ha ucciso mio figlio è stato difficile, difficilissimo. Una cosa troppo brutta". Prima di uscire, incontra un’altra mamma. No, non le madri degli imputati, ma la guardia giurata che lavora alla porta del tribunale. "Mi sono messa nei tuoi panni e ho sofferto assieme a te".

Processo Ciatti, la solidarietà della guardia giurata
Processo Ciatti, la solidarietà della guardia giurata
Processo Ciatti, la solidarietà della guardia giurata
Processo Ciatti, la solidarietà della guardia giurata
Processo Ciatti, la solidarietà della guardia giurata
La famiglia Ciatti fuori dal tribunale dopo la sentenza
La famiglia Ciatti fuori dal tribunale dopo la sentenza
La famiglia Ciatti fuori dal tribunale dopo la sentenza

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?