Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
30 lug 2020

La finanza dal cognato di Fontana Trovati i 25mila camici mancanti

Sequestro dopo la perquisizione nella sede di Dama spa che avrebbe dovuto consegnare i capi alla regione. Dini: non vedevo l’ora di liberarmene. Acquisiti anche messaggi e comunicazioni tra i due parenti.

30 lug 2020
anna giorgi
Cronaca
Attilio Fontana (Lega), governatore della Regione Lombardia dal 26 marzo 2018. Nato a Varese, ha 68 anni
Attilio Fontana (Lega), governatore della Regione Lombardia dal 26 marzo 2018. Nato a Varese, ha 68 anni
Attilio Fontana (Lega), governatore della Regione Lombardia dal 26 marzo 2018. Nato a Varese, ha 68 anni
Attilio Fontana (Lega), governatore della Regione Lombardia dal 26 marzo 2018. Nato a Varese, ha 68 anni
Attilio Fontana (Lega), governatore della Regione Lombardia dal 26 marzo 2018. Nato a Varese, ha 68 anni
Attilio Fontana (Lega), governatore della Regione Lombardia dal 26 marzo 2018. Nato a Varese, ha 68 anni

di Anna Giorgi Il "corpo del reato ipotizzato", cioè la frode in pubbliche fornitura, ora è completo perché la notte scorsa la Guardia di finanza, durante la perquisizione alla Dama spa, l’azienda di cui è amministratore delegato Andrea Dini, cognato del governatore della Lombardia Attilio Fontana, ha trovato e sequestrato i 25mila camici mancanti (su 75mila totali) che la società non aveva mai consegnato alla Regione dopo che la fornitura concordata durante l’emergenza Covid era stata trasformata in tutta fretta in "donazione". In realtà, nel pasticcio a catena di questa vicenda, nemmeno il contratto di trasformazione in donazione era mai stato registrato dagli uffici del Pirellone, sarebbero stati proprio gli avvocati di Aria (la centrale acquisti) a dare parere negativo alla conversione per questioni procedurali (la semplice mail inviata che annunciava la trasformazione non era sufficiente) e per le perplessità dovute allo smaccato conflitto di interessi fra Dini e Fontana, la cui moglie, fra l’altro, detiene una piccola quota della società finita sotto i riflettori della Procura. I camici sequestrati, quindi erano il tassello mancante dell’inchiesta in cui, da venerdì scorso, sono indagati il governatore, il cognato e anche l’ormai ex dg della Centrale acquisti lombarda (Aria) Filippo Bongiovanni, già sentito nei giorni scorsi dai magistrati. Su Bongiovanni e Dini pende anche l’accusa di turbata libertà del procedimento di scelta del contraente. Nell’ultima perquisizione, quella della notte scorsa, il Nucleo speciale di Polizia valutaria della Gdf è rimasto nella sede di Dama oltre l’una, anche per acquisire chat, messaggi, mail e comunicazioni risalenti allo scorso maggio tra Dini e il governatore. La corrispondenza fra i due ricostruirà un quadro chiaro e inconfutabile anche sulla "consapevolezza dell’affaire" perché stando alle dichiarazioni rese in precedenza dal governatore ("Non ne sapevo nulla, non sono mai intervenuto sulla faccenda" e poi "sì ho chiesto ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?