19 giu 2021

La fabbrica di bufale sul Covid. Fake news: un business da migliaia di euro

Dalle cure con la vitamina C al rischio vaccini: boom di siti web che diffondono informazioni distorte. Il cacciatore di fake news: "Canali istituzionali ed esperti, solo così riusciremo a battere i manipolatori"

alessandro belardetti
Cronaca
Una manifestazione di negazionisti: su Internet circolano diverse teorie complottiste sull’infezione da Covid-19
Una manifestazione di negazionisti

Prima di vaccinarmi contro il Covid-19 devo fare l’esame del sangue per essere sicuro di non avere già gli anticorpi? Falso. I vaccini mRNA per il Covid modificheranno il Dna umano? Falso. Assumere tanta vitamina C previene il contagio da nuovo Coronavirus? Falso. Sono alcuni esempi delle fake news che hanno inondato social e chat, ingannando e spaventando milioni di persone, in questo anno e mezzo di pandemia. Sul sito del ministero della Salute ci sono otto pagine con le principali teorie del complotto legate al virus. Oltre 50 milioni di italiani (il 99,4% degli adulti) hanno cercato informazioni sul virus. Nel report Censis, in vetta alle fonti consultate i media tradizionali (tv, radio, stampa col 75,5%), ma il web e i social avanzano (51,8%). Questo sovraffollamento comunicativo, oltre all’incertezza e al terrore delle persone, rappresenta terreno super fertile per i siti che diffondono bufale nel mondo. Esiste un importante business dietro l’ondata folle delle bufale, con guadagni di migliaia di euro da parte degli hoaxer, i mistificatori. "Certo – risponde David Puente, uno dei più importanti cacciatori internazionali di fake news e responsabile fact checking di Open.online –, coloro che ci lucrano sono ’cani sciolti’ che si aiutano a vicenda, promettendo soluzioni facili e screditando il sistema. Il concetto è ’il farmaco dello Stato arricchisce i Big Pharma, fidati del mio prodotto sano e sarai protetto senza rischi’. Il guadagno arriva dalle pubblicità sui siti, grazie alle migliaia di iscritti; dagli abbonamenti che vengono sottoscritti per seguire l’opinione del guru; dalle vendite dei prodotti, spesso integratori. Ognuno fa per sé, ma insieme si sostengono, perché su 10mila seguaci del ciarlatano X, 5mila seguono anche il ciarlatano Y, diffondendo così le teorie del complotto". Dall’inizio della pandemia all’aprile 2021 Facebook e Instagram hanno rimosso più di 18 milioni di contenuti ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?