Monica Peruzzi La depressione ha fatto un’altra vittima illustre. È la ex first lady Michelle Obama, che nel suo podcast su Spotify, ha confessato di soffrirne in forma lieve. Un disagio che, a suo dire, non è legato solo alla quarantena dovuta alla pandemia, ma anche "ai conflitti razziali, alle risposte di questa amministrazione (Trump ndr)". In tanti, adesso, diranno che per una donna così popolare...

Monica

Peruzzi

La depressione ha fatto un’altra vittima illustre. È la ex first lady Michelle Obama, che nel suo podcast su Spotify, ha confessato di soffrirne in forma lieve. Un disagio che, a suo dire, non è legato solo alla quarantena dovuta alla pandemia, ma anche "ai conflitti razziali, alle risposte di questa amministrazione (Trump ndr)". In tanti, adesso, diranno che per una donna così popolare e amata, madre e avvocatessa di successo, icona planetaria di stile, sia impossibile parlare di depressione. Ma la verità è un’altra. Per l’Organizzazione Mondiale della Sanità, entro quest’anno, diventerà la seconda causa di disabilità nel mondo. E poco importa se siamo ricchi o poveri, giovani o vecchi. Il male del secolo è democratico e non conosce confini, classe sociale o colore della pelle, soprattutto dopo il confinamento, che a detta degli psicologi avrà conseguenze a lungo termine difficilmente immaginabili. A rendere questa patologia più o meno grave contribuisce anche il grado di accettazione nella società e in famiglia. Ci sono pochi dubbi su quella degli Obama, che ha già fatto quadrato intorno alla sua "Mom-in-chief", come lei stessa si definì. Un po’ di più, invece, se si vanno a leggere i commenti pubblicati sui social, a testimonianza di quanto certi tipi di disagio vengano ancora demonizzati o, peggio, negati. Eppure Michelle non è che l’ultima, in ordine di tempo. Si entrano in questa spirale a causa di ritmi frenetici, dello stress legato al lavoro, di tensioni nella sfera emotiva. Non fanno eccezione gli adolescenti, che secondo le ultime ricerche sono più a rischio degli adulti. E le star? Come è evidente non ne sono immuni. Anzi, spesso è proprio il successo che porta molti divi a soffrirne. Da Jim Carrey a Johnny Depp, fino a Lady Gaga ed Emma Stone, la lista è molto lunga. Ma queste testimonianze, come quella di Michelle, sono quanto mai utili. "Ascoltatevi e chiedete aiuto", consiglia lei. Suggerimento di cui dovremmo fare tesoro, che ci rimette in pace con le nostre, umane, imperfezioni.