Mentre il Papa è degente al Policlinico Gemelli, le diplomazie sono al lavoro per organizzare un suo storico viaggio in Corea del Nord: sarebbe un’inedito per un Pontefice. A rivelarlo è Park Jie-won, capo dei servizi di intelligence sudcoreani. Il capo del National Intelligence Service avrebbe incontrato l’arcivescovo Kim Hee-jung e il nunzio apostolico in Corea del Sud, l’arcivescovo Alfred Xuereb – ex segretario personale del Pontefice –, per parlare della visita di papa Bergoglio a Pyongyang.

L’invito sarebbe stato fatto nell’ottobre del 2018, quando il presidente della Repubblica di Corea, Moon Jae-in, fu ricevuto da Francesco in udienza: in quell’occasione avrebbe trasmesso al Papa un invito da parte del leader nordcoreano Kim Jong-un. Bergoglio, già allora, avrebbe dato la sua disponibilità