L’ex banchiere ed ex alto funzionario del Partito comunista cinese Lai Xiaomin (nella foto) , condannato a morte da un tribunale di Tianjin per corruzione e bigamia, è stato giustiziato ieri. Lai era accusato tra l’altro di avere intascato tangenti per l’equivalente di 260 milioni di dollari. La parabola discendente del potentissimo capo di China Huarong Asset management è divenuta un simbolo della crociata anti-corruzione del presidente Xi Jinping. Lai, 58 anni, ex capo di China Huarong Asset management, uno dei quattro colossi finanziari controllati dallo Stato, era stato condannato a morte all’inizio di gennaio. Nel 2018 era stato posto sotto inchiesta ed espulso dal Pcc per "gravi violazioni delle regole disciplinari e delle leggi". Ad aggravare la situazione dell’ex banchiere – "il più corrotto tra i corrotti", che è stato anche capo del Dipartimento di supervisione bancaria della Banca centrale cinese – c’era il verdetto di colpevolezza per bigamia: per aver "vissuto a lungo con altre donne", al di fuori del suo matrimonio, con le quali ha avuto "figli illegittimi".