Il momento per un’accelerazione dei progetti cinesi nel Paese centro-asiatico potrebbe essere favorevole, con

il ritiro del contingente Usa dall’Afghanistan, anche se permangono

le incertezze sul futuro del Paese. Gli scambi tra Pechino e Kabul, negli ultimi anni, non sono mancati, ma il tutto avveniva sotto gli occhi sospettosi degli americani. L’aumento della presenza cinese

in Afghanistan sarebbe strategica per i piani di connessione di Pechino con l’Asia centrale, il Medio Oriente e l’Europa, anche se la situazione all’interno del Paese rimane complessa:

la portata degli investimenti che la Cina intende mettere in campo potrebbe rivitalizzare l’economia afghana,

ma allo stesso tempo Pechino potrebbe incappare nell’opposizione

di alcuni gruppi etnici.