"Questo è prevedibilmente il mio ultimo congresso Cdu da cancelliera", ha detto Angela Merkel (nella foto), collegata dalla sede della cancelleria, nel suo discorso di saluto al congresso nazionale del partito cristiano-democratico, che oggi elegge il suo nuovo presidente.

Ma non c’è entusiasmo in Germania. La maggioranza dei tedeschi pensa – secondo il sondaggio Politbarometer – che i tre sfidanti alla leadership della Cdu siano inadatti a prendere il posto di Angela Merkel alla cancelleria.

Chi sono? C’è il candidato conservatore, Friedrich Merz, antagonista storico di Frau Merkel, che in caso di vittoria intende spostare la Cdu a destra: la sua tesi è che il partito abbia bisogno di "ritrovare la sua identità". C’è poi il centrista e modernista Norbert Roettgen, ex ministro dell’Ambiente silurato otto anni fa dalla Cancelliera dopo una disastrosa sconfitta in Vestfalia. In caso di vittoria – dice – promette il cambiamento del partito: più moderno, più attento ai temi del futuro, più digitale. Infine, c’è il merkeliano moderato Armin Laschet, governatore del Nord-Reno Vestfalia, che se in un primo momento sembrava il favorito tra i tre, adesso anche le sue chances di vittoria si sono ridotte notevolmente.