Ai grandi Paesi europei restano scorte per una settimana di vaccinazioni. L’allarme rosso non vale solo per l’Italia, dove avanzano circa 2,5 milioni di dosi, poco più di quante sono state somministrate negli ultimi sette giorni. I rifornimenti sono attesi con una certa ansia anche in Germania, Spagna e Francia, dove i governi da inizio aprile sono già riusciti a imprimere una netta accelerazione alle campagne vaccinali, unica arma in questo momento contro la pandemia. L’Italia ha somministrato oltre l’80% delle dosi a disposizione, in percentuale meno di quanto fatto dalla Spagna (85,3% secondo i dati del governo di Madrid, che

è appena arrivato a oltre 400 mila iniezioni al giorno) ma più della Francia (79%), che venerdì ha segnato il record di mezzo milione di inoculazioni in 24 ore), e della Germania (75,5%).