Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
19 apr 2022

Italiana rapinata e uccisa: giallo in Lussemburgo

Una 46enne molisana trovata con la testa fracassata: il corpo era nello scantinato della pizzeria dove lavorava. Spariti tremila euro

19 apr 2022
loredana del ninno
Cronaca
Sonia Di Pinto, originaria del Molise, lavorava da tempo in Lussemburgo È stata uccisa a. 46 anni
Sonia Di Pinto, originaria del Molise, lavorava da tempo in Lussemburgo È stata uccisa a. 46 anni
Sonia Di Pinto, originaria del Molise, lavorava da tempo in Lussemburgo È stata uccisa a. 46 anni
Sonia Di Pinto, originaria del Molise, lavorava da tempo in Lussemburgo È stata uccisa a. 46 anni
Sonia Di Pinto, originaria del Molise, lavorava da tempo in Lussemburgo È stata uccisa a. 46 anni
Sonia Di Pinto, originaria del Molise, lavorava da tempo in Lussemburgo È stata uccisa a. 46 anni

di Loredana Del Ninno Aveva lasciato il Molise qualche anno fa per cercare un’occupazione in Lussemburgo. Sonia Di Pinto, 46 anni, è stata trovata morta la mattina di Pasqua nel seminterrato della pizzeria della catena Vapiano, dove lavorava come responsabile di sala a Kirchberg, quartiere a nord-est della Capitale dell’omonimo Granducato. Il cadavere, riverso a terra, presentava una ferita alla testa. L’ipotesi più probabile è che la donna sia stata uccisa durante una rapina, ma gli inquirenti non escludono altre piste. Fondamentale sarà l’esame delle immagini catturate dalle telecamere di sorveglianza del locale. Stando ai primi rilievi alla vittima sarebbero stati portati via circa tremila euro, frutto probabilmente dell’incasso della serata. La testata locale Le Quotidien ha scritto che la 46enne è stata colpita con un corpo contundente. Il corpo sarebbe stato trovato diverse ore dopo la fine del turno di lavoro, grazie all’allarme dato dal compagno, Sauro Diogenici, che non l’aveva vista rincasare. I due avrebbero dovuto sposarsi tra meno di un mese. Sonia era nata a Losanna dove i genitori – originari di Petacciato in provincia di Campobasso – erano emigrati. La famiglia aveva fatto rientro in Molise, ma lei, dopo qualche tempo, aveva deciso di stabilirsi di nuovo all’estero con il fidanzato. La Farnesina ha fatto sapere che "l’ambasciata si è subito attivata ed è in contatto con le autorità competenti". Sotto choc l’intera comunità molisana. "Il dolore, lo smarrimento sono i sentimenti prevalenti di Petacciato che si stringe intorno ai genitori e ai fratelli per questa tragedia che lascia tutti nello sconcerto. Assurdo morire così, difficile capacitarsi", ha detto il sindaco Roberto Di Pardo. Distrutto il fidanzato con cui Sonia viveva a Esch -sur-Alzette, cittadina alle porte di Lussemburgo. "Non credo sia stato un omicidio premeditato. Era una persona tranquilla, non aveva nemici. Faceva il suo lavoro e lo ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?