Manifestazione lavoratori Alitalia (Ansa)
Manifestazione lavoratori Alitalia (Ansa)

Roma, 23 settembre 2021  - Sindacati sul piede di guerra non solo per il caos sulla vertenza Alitalia Ita, e il rischio licenziamenti nel settore, ma anche il taglio degli stipendi. Fonti sindacali fanno sapere che la scure in busta paga in Ita ci sarà per comandanti, piloti, hostess e steward, e non solo rispetto alla 'vecchia' Alitalia, ma anche rispetto alle grandi compagnie major europee come Air France e Lufthansa e low cost come EasyJet Ryanair. 

Secondo i calcoli elaborati dai sindacati, basandosi su quanto previsto nelle 94 pagine del "Regolamento aziendale applicabile al personale di Ita Trasporto Aereo', l'abbattimento delle retribuzioni del personale navigante può superare in alcuni casi quota 50%. 

Sciopero aerei del 24 settembre: i voli garantiti e quelli Alitalia cancellati

Ecco alcuni esempi: un comandante Ita con un'attività media di 60 ore volo mensili percepirà una retribuzione lorda di 6.217 euro lordi mentre un comandante Alitalia ne guadagna 12.534 euro lordi, con una differenza di -50%. Un pilota Ita, con un'attività media di 60 ore, avrà una busta paga più leggera del 55% rispetto agli 8.027 euro di un pilota Alitalia con la stessa attività di volo. 

Gli assistenti di volo vedono una differenza tra i 1680 euro lordi (sempre con un'attività media di 60 ore di volo) dello stipendio in Ita e i 2.582 euro di Alitalia.

Riguardo alla concorrenza internazionale: un comandante di Easyjet, sempre per un'attività media di 60 ore di volo, guadagna 12.000 euro lordi, quindi il 48% in più di uno Ita. Un comandante di Poste ha una retribuzione di 9.900 euro lordi l'anno, con Ita il gap è del 37%. Un comandante di Ryanair guadagna 11.500 euro lordi, cioè il 45% di un comandante Ita. 

Spiazzante poi la differenza con le grandi compagnie aeree europee: un comandante di Air France prende 15.000 euro lordi, 58% in più, e in Lufthansa soni 13.500 lordi, il 54% in più di Ita.