Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
25 lug 2021

Carla Gravina: "Con Volonté? Tradimenti e censura. Recitare stanca, ho preferito vivere"

La Gravina compie 80 anni: "Lasciai le scene nel 1994, ero esaurita. Ora penso a mia figlia e ai viaggi. L’amore con Gian Maria è stato bellissimo ma anche difficile: lui era sposato, il cinema mi emarginò. E mi ritrovai al Monte di Pietà"

25 lug 2021
giovanni bogani
Cronaca
featured image
Carla Gravina e Gian Maria Volontè
featured image
Carla Gravina e Gian Maria Volontè

Il 5 agosto Carla Gravina compirà 80 anni. Ma per noi sarà sempre il volto giovane, irridente, spontaneo di film come Guendalina di Alberto Lattuada, o la ragazza che seduceva Vittorio Gassman nei Soliti ignoti di Monicelli, o che correva a New York, lungo il ponte di Brooklyn, nei Caroselli anni ’70 della "gomma del ponte". Adesso Giovanna Gravina Volonté, la figlia che Carla ha avuto da Gian Maria Volonté, è la direttrice del festival cinematografico che si tiene all’isola La Maddalena, in Sardegna "La valigia dell’attore"; il festival si aprirà mercoledì 28 luglio, con un omaggio a Carla Gravina e la proiezione del film La terrazza di Ettore Scola, che la vede fra i protagonisti. Carla, però, non verrà. Dal 1994 ha scelto di uscire di scena. Perché questo autoesilio, Carla? "Fu una scelta di libertà. Dopo una tournée teatrale di nove mesi, ero esaurita. Dopo una vita sul palco e sui set, non ne potevo più. Il lavoro dell’attore è massacrante, non ti devi ammalare, e se ti ammali devi andare in scena lo stesso. Io non volevo più giocare quel gioco. E preferivo vivere". Come iniziò quel gioco? "Ero in terza media, uscivamo dalla scuola. Per puro caso rimasi cinque minuti di più a parlare con un’amica. Una macchina si fermò davanti a noi, un signore ci guardava". E voi? "Noi ridevamo, dicevamo “aaah, ecco un pappagallo“. Il signore viene verso di me: io, che diventavo rossa anche dal fornaio, ero cremisi. Mi disse: “sono Alberto Lattuada, un regista“. Io non sapevo neanche che cosa fosse un regista. Lui: “vorrei farle un provino“. Io: chiami mio padre". Come reagì suo padre, ufficiale dell’esercito? "Quando rispose al telefono fu sorpreso. Ma conosceva Lattuada di fama, e mi permise di andare a quel provino. Nel provino, io che sono ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?