Intesa Roma-Parigi sul Monte Bianco. "Lavori rinviati, il traforo non chiude"

Scongiurato il rischio paralisi per l’export, l’intervento si farà tra un anno. La circolazione ferroviaria invece non sarà ripristinata per almeno due mesi

Roma, 1 settembre 2023 – Il rischio paralisi sembra scongiurato: il traforo del Monte Bianco non chiuderà lunedì. Con l’accordo tra Roma e Parigi l’export italiano tira un sospiro di sollievo, i camion da e verso la Francia potranno continuare a circolare. I lavori in calendario proprio dal 4 settembre al 18 dicembre nella galleria tra Courmayeur e Chamonix saranno rinviati. Probabilmente tra 12 mesi, fa sapere il ministero dei Trasporti guidato da Matteo Salvini. Più prudente il suo omologo francese, Clément Beaune: "Se ne parlerà la prossima settimana", dice dopo aver incontrato gli amministratori locali della Maurienne, dove domenica scorsa è crollata la frana che ha innescato la tempesta perfetta sul sistema dei collegamenti transalpini italo-francesi. La formalizzazione della decisione spetta infatti alla Conferenza intergovernativa, che si dovrebbe riunire lunedì. In Savoia il ministro francese ha anche annunciato che "prima di parecchie settimane, prima di due mesi almeno, non sarà certo possibile ristabilire la circolazione ferroviaria" dato che al momento è impossibile accedere alla galleria "in tutta sicurezza".

Rinviati i lavori al traforo del Monte Bianco
Rinviati i lavori al traforo del Monte Bianco

In mattinata Salvini, da Venezia, aveva fatto sapere di aver chiesto a Parigi di rinviare i lavori al Bianco. L’ipotesi di uno slittamento di un anno farebbe festeggiare anche la giunta regionale della Valle d’Aosta. Secondo il suo presidente, Renzo Testolin, "la riapertura per noi non può andare oltre il 18 dicembre, sovrapponendosi con un periodo turistico fondamentale per l’economia". Quindi "se lo spostamento dell’inizio dei lavori non comporta uno slittamento della riapertura del tunnel per noi non sussistono problemi a procrastinare di qualche giorno". Una cosa è certa, secondo Beaune i due trafori non potranno essere chiusi contemporaneamente: le conseguenze sarebbero inaccettabili anche per Parigi. Per questo si lavora per ripristinare la circolazione lungo l’autostrada francese A43, fondamentale per garantire il passaggio dei mezzi pesanti al Fréjus da Modane.