Rilievi dopo l'incidente a Cassino (Ansa)
Rilievi dopo l'incidente a Cassino (Ansa)

Cassino (Frosinone), 4 aprile 2021 - Drammatico incidente alla vigilia di Pasqua  lungo la Casilina a San Vittore del Lazio. Il bilancio dello scontro frontale è di 4 morti: a perdere la vita tre giovani, residenti in provincia di Caserta e un operaio di Rocca d'Evandro. Si tratta di Carlo Romanelli, 19 anni, Matteo Simone 19, Luigi Franzese 20 e Claudio Amato, 52 anni. Inutile ogni soccorso: lo schianto fra le due auto non ha dato scampo a nessuno dei quattro. Tre sono deceduti sul colpo mentre un quarto e spirato poco dopo l'arrivo in ospedale a Cassino. 
Le drammatiche fasi dell'incidente sarebbero state immortalate in una diretta social che Luigi Franzese, una delle tre giovani vittime, stava effettuando attraverso la sua pagina Instagram

I ragazzi frequentavano Cassino e uno di loro era all'ultimo anno del liceo classico 'Giosue' Carducci'. Il magistrato di turno presso la Procura di Cassino, Alfredo Mattei, ha disposto l'autopsia per tutte e quattro le vittime mentre ai carabinieri della Compagnia di Cassino il compito di ricostruire l'esatta dinamica dell'incidente.

Le indagini sul video e la dinamica

Il contenuto dei cellulari dei tre ragazzi morti nell'incidente è al vaglio dei carabinieri, che stanno cercando di capire la veridicità di un video di circa 15 secondi che in queste ore gira sui social e in cui si vedrebbe uno dei giovani, seduti sul sedile posteriore dell'auto, intento a filmare una diretta con il cellulare. Solo l'esame del telefonino stabilirà l'esatto orario di quel video. L'impatto è avvenuto poco prima delle 21 nel primo giorno delle restrizioni del week end pasquale - a poca distanza dal Comune di Mignano Montelungo (Caserta), dove vivevano i tre amici - tutti tra i 19 e i 20 anni - che stavano tornando verso casa.
 Dai primi accertamenti il video comunque non sarebbe stato girato da chi era alla guida dell'auto perché dalle riprese l'inquadratura è dal sedile posteriore. La diretta da un profilo social di uno dei tre ragazzi era seguita da loro amici che sono subito accorsi ieri sera sul luogo dello schianto. I rilievi e gli accertamenti puntano a stabilire come è avvenuto il tragico frontale. Una delle due auto ha invaso la corsia opposta al suo senso di marcia: va stabilito se ciò è stato causato da un malore, disattenzione o una velocità sostenuta.