Catania, 30 luglio 2021 - La Sicilia brucia, Catania è un inferno: il soffocante vento africano alimenta le fiamme di diversi incendi. Si contano una trentina di focolai, che si sospetta siano dolosi, solo in città. Le temperature sono roventi: oggi sono stati toccati i 40° e nei prossimi giorni dovrebbe peggiorare.
La zona maggiormente colpita è quella nel rione Fossa Creta dove le fiamme hanno lambito le case e diverse famiglie sono state costrette a lasciare le loro abitazioni. Nella zona si alza un'intesa nube di fumo. Chiuso al traffico l'asse dei servizi e bloccato l'accesso anche ad alcune strade. Un rogo ha distrutto lo stabilimento balneare Le Capannine del lungomare della Plaia (nel video la distruzione delle fiamme). Sui diversi fronti sono impegnati numerosi vigili del fuoco. Rinforzi stanno arrivando a Catania da altri comandi principali della Sicilia. 

Dalle periferie al centro storico, si moltiplicano le richieste d'intervento - almeno 70 - che stanno impegnando vari mezzi e diverse squadre dei vigili del fuoco. Scene da inferno di fuoco, con gli abitanti preoccupati dall'evolversi della situazione: le fiamme sembrano essere sotto controllo, ma il vento è tornato a spirare forte alimentandole. Le famiglie hanno tentato di difendere le loro abitazioni aggredite dalle fiamme usando l'acqua di casa. Ci sono stati anche momenti di tensione tra gli abitanti con le case invase dalle fiamme, e i soccorritori, dovuti alla drammaticità del momento

Il capo dipartimento della Protezione civile, Salvo Cocina, ha richiamato tutto il personale e sospeso le ferie per l'emergenza incendi non solo a Catania ma in diverse province in Sicilia. A causa degli incendi scoppiati anche vicino lo scalo, l'aeroporto internazionale di Catania ha sospeso per circa un'ora le operazioni di volo in arrivo e in partenza.

150 salvati via mare

Centocinquanta persone bloccate dagli incendi in due delle zone marinare di villeggiatura sono state salvate da mezzi navali e personale della Capitaneria di porto. Per fuggire alle fiamme sono si sono recate sulla spiaggia dove sono state soccorse dalla guardia costiera prima con dei gommoni e poi trasbordate su motovedette. Sul posto anche un rimorchiatore e una mezzo navale della Guardia di finanza.

Le persone soccorse sono dei villaggi Primosole e Azzurro. Alcuni di loro hanno perso la casa e saranno ospitati nel Palazzetto dello sport di piazza Spedini messo a disposizione dal Comune. Gli interventi sono stati coordinati dalla prefettura. 

image

Roghi anche in provincia

Per l'aggravarsi della situazione si è reso necessario l'arrivo, da altri Comandi Principali della Sicilia, di rinforzi. Tre squadre di colonna mobile regionale sono in assetto antincendio boschivo. Situazione critica anche in provincia: 15 i roghi segnalati tra Paternò, Ragalna e Biancavilla; 14 interventi nella zona del Calatino e sei richieste tra Acireale e Giarre

Gli altri incendi in Sicilia

I pompieri e i forestali hanno lavorato tutta la notte per spegnere le fiamme divampate tra Piana degli Albanesi, Strasatto Altofonte e San Giuseppe Jato. A Piana le squadre antincendio hanno fatto evacuare alcune abitazioni minacciate dai roghi, mentre su Palermo piove ormai cenere da 24 ore. A Portella della Ginestra la cenere ha ricoperto tutto il "sacrario", il luogo dell'eccidio del primo maggio 1947. Le fiamme hanno annerito anche i sassi del memoriale con le date che ricordano la strage e i nomi delle vittime. E continua a bruciare oggi, sopra Portella, monte Pelavet e le altre montagne che circondano Piana.

Fiamme anche a Misilmeri nella zona del Castello dell'Emiro. L'azione degli incendiari insieme alle alte temperature e il vento che si è alzato sta provocando ingenti danni alla vegetazione. Le alte temperature, oltre i 40 gradi, e le folate di vento caldo hanno alimentato le fiamme al Lido di Noto, dove i vigili del fuoco hanno impiegato diverse ore per domare un vasto incendio che ha minacciato anche delle abitazioni. Fiamme anche nella zona di Priolo, sulla ex strada statale 114, ma il rogo è stato subito controllato dai volontari della protezione civile, a Floridia, in prossimità dei monti Climiti, ed anche nella Valle dell'Anapo
Un vasto rogo minaccia la diga Ancipa a Troina, nell'ennese. A rischio gli allevamenti di bestiame della zona. Si prova a fronteggiare con un elicottero, l'incendio che sta divorando i boschi di Piazza Armerina. Dalla Furma alla Ronza è tutto in fumo. 

Inferno a Catania: a fuoco il lido le Capannine. Fumo sulla città

Musumeci: "Piromani criminali"

In una nota il presidente della Regione Nello Musumeci fa il punto e punta il dito contro i  "piromani che, come accertato dalle indagini degli inquirenti, appiccano scientificamente il fuoco in più punti causando danni irreversibili al patrimonio boschivo e mettendo a rischio persino l'incolumità delle persone". E attacca: "Si tratta di criminali che, lo ribadiamo, meriterebbero il carcere a vita per azioni scellerate che cancellano identità e storia del nostro territorio, come è accaduto ieri a Portella della Ginestra e Piana degli Albanesi. Sono vicino alle tantissime persone che, ancora oggi, sono state costrette ad abbandonare le loro case perché minacciate dal fuoco. E faccio appello a tutti, anche e soprattutto alla luce dell'avviso straordinario diramato oggi dalla Protezione Civile regionale, perché si applichino tutte le necessarie misure di prevenzione previste dalla "allerta rossa" e per limitare - ha concluso - ma preferirei dire per evitare ulteriori incendi e problemi legati alla eccezionale ondata di calore che riguarderà la Sicilia fino al 6 agosto".

L'allarme della Protezione civile

"E' una battaglia impari", dice il capo della Protezione civile regionale, Salvo Cocina, rilanciando l'allarme incendi per le prossime ore, quando le temperature saliranno ancora, in uno tsunami di calore che ha portato anche a dimezzare gli orari degli hub vaccinali. "Nei prossimi giorni peggiorerà", aggiunge, precisando di aver revocato le ferie ai dipendenti per poterli impegnare nel disperato tentativo di domare le fiamme che stanno bruciando la Sicilia.

Wwf: servizio in tilt

''La Sicilia è nelle mani dei criminali del fuoco che, da emergenza gravissima, in questi giorni incandescenti hanno fatto precipitare la situazione a livello di catastrofe ambientale conclamata - denuncia Ennio Bonfanti, presidente del Wwf Sicilia - Poco fa io e un altro volontario abbiamo provato a segnalare uno dei tanti incendi ma il numero di emergenza del Corpo forestale 1515 risulta perennemente occupato mentre il Nue 112 ha risposto alla nostra chiamata solo dopo 10 minuti di attesa". 
E ancora: "Gli operatori, anch'essi avviliti per questa situazione, ci hanno confessato che l'enorme quantità di chiamate sugli incendi ha fatto andare in tilt il servizio".  "E' inaccettabile che da mesi una Regione venga letteralmente messa a fuoco ma nessun criminale, salvo un caso in provincia di Enna e poco altro, viene individuato. Migliaia di incendi tutti dolosi ma tutti senza uno straccio di sospettato, di indiziato, di colpevole. Chi a livello provinciale e regionale ha le competenze istituzionali nella lotta agli incendiari dovrebbe avere un sussulto di dignità e dimettersi seduta stante, provando a scappare per nascondersi altrove per la vergogna della totale incapacità di fare il proprio lavoro. Ma ovviamente non succederà nulla, e prima o poi il vento porterà via la cenere", conclude.