Da Milano alla capitale, passando per Ancona, L’Aquila, Faenza e Martina Franca, ieri è tornato il Gay Pride, la tradizionale parata per i diritti degli omosessuali bloccata dal Covid l’anno scorso. E si è innestata nel dibattito politico che lacera la maggioranza Draghi. Polemica per l’attivista nelle vesti di Cristo Lgbt con corona di spine, stimmate e lenzuolo arcobaleno. La leader di FdI Meloni si è chiesta: "Che bisogno c’è di mancare di rispetto a milioni di fedeli per sostenere le proprie tesi?".