20 gen 2022

In 100mila sui social per i video della baby gang

Milano, misure cautelari per sei 16enni. Filmavano i pestaggi ad altri ragazzini (anche a scuola) e poi pubblicavano tutto su Telegram

Un frame del video delle angherie fatto girare sul canale Risse italiane su. Telegram
Un frame del video delle angherie fatto girare sul canale Risse italiane su. Telegram
Un frame del video delle angherie fatto girare sul canale Risse italiane su. Telegram

di Nicola Palma e Roberta Rampini "Vai, seccalo, spaccalo. Vai a ginocchiate in faccia". Primo pomeriggio del 6 ottobre scorso, all’esterno del centro di formazione professionale "Fondazione Clerici" di Rho, hinterland nord-ovest di Milano. Va in scena l’agguato a favor di smartphone: il sedicenne Claudio (nome di fantasia), preso di mira dai bulli perché affetto da un disturbo di iperattività, viene investito da una raffica di calci, pugni e gomitate. A picchiarlo è un compagno di scuola che lo tormenta da un anno, incitato da un coetaneo che sta riprendendo tutto col cellulare: "Piglia un sasso e spaccaglielo in testa", incalza come fosse a bordo ring, mentre sta realizzando un video da gettare in pasto alle decine di migliaia di iscritti di una chat. Il raid va avanti per diversi interminabili secondi, fin quando le urla disperate di una ragazza mettono in fuga gli aggressori. Quel giorno, Claudio, dimesso dal pronto soccorso con una prognosi di 7 giorni, cerca una via d’uscita e si presenta coi genitori alla stazione dei carabinieri di Cornaredo per denunciare. Parte in quel momento l’inchiesta che nei giorni scorsi ha portato la gip del tribunale per i minorenni Marina Zelante a emettere sei provvedimenti cautelari nei confronti di altrettanti alunni dell’istituto, tutti residenti in provincia. Il presunto autore del pestaggio, già espulso dalla scuola, è stato affidato a una comunità, dalla quale potrà uscire solo per partecipare ad attività autorizzate; l’amico che ha girato il video, solo sospeso, è stato sottoposto alla misura della permanenza in casa con divieto di incontrare persone estranee alla famiglia e di contattarle con telefono o computer. Gli altri quattro, accusati di aver molestato e minacciato a più riprese Claudio e un altro compagno di classe, non potranno uscire tra le 22 e le 6, dovranno tenere un comportamento corretto in ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?