Torino, 29 luglio 2018 - Attimi di terrore ieri sera alla stazione di Torino Porta Nuova: un ventenne originario della Somalia è stato ferito con un colpo di pistola da un agente della polizia ferroviaria durante un controllo. Il poliziotto ha fatto fuoco con la pistola d'ordinanza per difendere il collega di pattuglia che era stato aggredito dal giovane. Trasportati in ospedale, l'agente aggredito e l'extracomunitario - che ora è in stato di fermo - non sono in pericolo di vita.

Banale l'inizio dell'alterco: il giovane somalo, che dalle prime informazioni sarebbe un richiedente asilo, era seduto sulle scale che conducono ai locali della stazione ferroviaria. Gli agenti della Polfer gli hanno intimato di allontanarsi, dicendo: "Qui non puoi stare, devi andare via". Ma lui, secondo il racconto di alcuni testimoni, si è rifiutato di spostarsi e per questo i poliziotti hanno deciso di sottoporlo ad alcuni controlli. È stato allora che il ventenne ha dato in escandescenza: ha iniziato a urlare e, estratto da una tasca un forchettone, si è scagliato contro i poliziotti. 

Dopo aver ferito a una spalla uno degli agenti, il ventenne stava per aggredire anche l'altro che, per difendere il collega e sé stesso, ha estratto la pistola d'ordinanza e ha fatto fuoco. L'area è stata subito isolata e sul posto è intervenuto il 118, che ha trasportato il somalo e l'agente ferito in ospedale.
Il poliziotto, ricoverato al Mauriziano, ha riportato due ferite all'altezza della spalla che i medici hanno giudicato guaribili in cinque giorni. Più grave il giovane extracomunitario, che è stato ricoverato all'ospedale Cto sveglio e cosciente: il proiettile lo ha colpito a un fianco ed è uscito dalla coscia, senza però provocargli lesioni letali

Sull'episodio sono in corso i riscontri e i rilievi della polizia scientifica, che ha sequestrato il forchettone da barbecue. Pare che in un primo momento lo straniero abbia esibito i documenti, che gli sono stati restituiti in pochi minuti, senza protestare. All'improvviso però, si è scagliato contro uno dei due agenti, ferendolo con il forchettone. Dopo avere finto una sorta di desistenza, si è scagliato contro il secondo agente, che si è trovato così costretto a fare fuoco. La scena è stata seguita in diretta dal personale del Centro Operativo Compartimentale attraverso le telecamere dell'impianto di videosorveglianza della stazione.

IL COMUNE - L'assessore del Comune di Torino, Roberto Finardi, con delega alle politiche della sicurezza ha espresso: "vicinanza e solidarietà all'agente della Polfer ferito ieri sera a Porta Nuova durante l'attività di controllo nell'area della stazione ferroviaria". Per l'assessore "l'impegno e il lavoro quotidiano di controllo del territorio svolto delle forze dell'ordine, soprattutto nel periodo estivo e in punti della città molto affollati come la stazione di Porta Nuova, risultano indispensabili per contrastare efficacemente ogni forma di illegalità e, al contempo, tutelare e garantire la sicurezza dei cittadini".