23 giu 2021

Covid, la variante Delta contagia di più i ragazzi: ecco perché

Diffusa soprattutto in Inghilterra e Russia, ha sintomi iniziali simili a quelli di un comune raffreddore. I vaccini bloccano la malattia: con la doppia dose il rischio ospedalizzazione scende del 92 per cento

giovanni rossi
Cronaca
featured image
featured image
Covid, esami in laboratorio

La variante Delta è lo spauracchio dell’estate. A domanda risposta, ecco il quadro sintetico. Vaccino Covid: come spostare l'appuntamento regione per regione (prima dose e richiamo) Variante Delta, Ecdc: entro fine agosto 90% contagi. Dove si trova nel nostro Paese COS’É QUESTA VARIANTE? Una mutazione genetica del virus segnalata in India (non l’unica, peraltro, rilevata in quell’area). Le mutazioni genetiche servono al virus per migliorare il proprio rendimento. Variante Delta, focolaio a Piacenza. Ma nessun positivo era vaccinato PERCHÉ SI CHIAMA DELTA? Per scelta dell’Oms. A tutte le varianti vengono ora associate lettere progressive dell’alfabeto greco, così da evitare associazioni geografiche negative. QUALI I TRATTI DISTINTIVI? Un’infettività più pronunciata e una trasmissibilità dirompente grazie a più alte cariche virali. QUANTO SALE IL CONTAGIO? La trasmissibilità Delta è sei volte superiore alla media epidemica sin qui osservata. Questa maggior capacità infettiva comporta crescenti rischi di ospedalizzazione: addirittura doppi rispetto alla variante alfa, ovvero la prima mutazione (a Londra) del ceppo isolato in Cina. PERCHÈ COLPISCE I GIOVANI? Non esiste una risposta univoca. Gli esperti valorizzano possibili concause. La variante, diffusa soprattutto nel Regno Unito e in Russia, procura sintomi del tutto simili a un banale raffreddore con mal di testa, piuttosto che la perdita di gusto e di olfatto, campanelli d’allarme assai più potenti. Così la variante inizialmente sottovalutata si diffonde sulle ali di dinamiche interpersonali molto spinte. La circolazione più aggressiva quindi dipenderebbe anche dall’involontario aiuto delle generazioni con intensa vita sociale. QUALI EFFETTI SUGLI ANZIANI? I contagiati non vaccinati accusano un decorso molto più rapido e severo. Con rischio di complicanze o di mortalità. Tra i giovani, invece, le casistiche negative risultano assai contenute. I VACCINI FERMANOLA DELTA? Sì, ma solo dopo il completamento della profilassi. Dopo due dosi la protezione dal rischio decessi è pressoché totale, proprio come ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?