Il ddl Zan è rimasto bloccato in Commissione Giustizia al Senato, dopo l’approvazione alla Camera del novembre scorso, fino alla calendarizzazione avvenuta a fine aprile. Il relatore al Senato è il presidente della Commissione Giustizia, il leghista Andrea Ostellari, contrario al ddl. Il 6 maggio era stato presentato il ddl Ronzulli-Salvini, che Lega, Fd’I e FI vorrebbero votare insieme al ddl Zan, e che non prevede nessuna protezione per le persone transgender. Un tema controverso è infatti la questione dell’identità di genere, definita come "l’identificazione percepita e manifestata di sé in relazione al genere, anche se non corrispondente al sesso, indipendentemente dall’aver concluso un percorso di transizione".