1 Il “patentino“

Il 17 settembre del 2020

Luis Suarez atterra all’aeroporto di Perugia per sostenere l’esame di italiano. Il calciatore, terminata la sua avventura al Real Madrid, cerca una squadra e il “patentino“ della lingua italiana lo avvicina sempre più alla Juventus, interessata all’attaccante uruguaiano.

2 Il procuratore

Quell’esame, sostenuto in 20 minuti con successo da Suarez, finisce nel mirino della magistratura, e in particolare del procuratore capo di Perugia Raffaele Cantone, che sostiene: quell’esame è stato "una farsa"

3 Le accuse

Tra gli indagati, con le accuse di falso ideologico e violazione di segreto, figurano: la rettrice Giuliana Grego Bolli, il dg Simone Olivieri, l’esaminatore Lorenzo Rocca, la preparatrice didattica Stefania Spina e Cinzia Camagna.