Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
2 giu 2022

Festa della Repubblica, sondaggio sfata luoghi comuni: siamo orgogliosi di essere italiani

2 giugno; 7 su 10 fieri del proprio Paese. I dati Swg: il senso di appartenenza è cresciuto del 9%

2 giu 2022
massimo donelli
Cronaca
featured image
Festa della Repubblica, sondaggio Swg
featured image
Festa della Repubblica, sondaggio Swg

"Lasciatemi cantare perché ne sono fiero sono un italiano un italiano vero". Quindi, Toto Cutugno, 78 anni, nato a Fosdinovo (Massa e Carrara), cantante internazionale con oltre 100 milioni di dischi venduti, aveva visto lungo quando, nel 1983, sul palco del Festival di Sanremo, lanciò 'L’italiano', inno pop amatissimo, allora, da tutti i nostri connazionali costretti a emigrare. E, oggi, ideale sottofondo musicale del sondaggio Swg che non lascia margini di dubbio: il 77% degli italiani è fiero della propria identità nazionale. Per precisione statistica: 9% in più rispetto a sette anni fa. Non basta. Interrogati sul momento storico in cui è nato davvero il nostro popolo, i connazionali in maggioranza rispondono: "La Repubblica e la Costituzione". E poiché oggi è il 2 giugno, un brindisi ci sta tutto, no? Alla faccia degli imbecilli che hanno sventolato e sventolano la bandiera dell’antipolitica, per cominciare. E, subito dopo, alla salute di Sergio Mattarella, 80 anni, dal 3 febbraio 2015 Capo dello Stato, che nei primi sette anni (appunto…) di Quirinale ha contribuito non poco a rafforzare l’orgoglio nazionale. Con il suo carisma felpato. Con i richiami all’ordine discreti, ma fermi ai leaderucci oscillanti tra Mosca e Pechino. Con la scelta, infine, di mettere a Palazzo Chigi un italiano rispettato nel mondo, il dottor Mario Draghi, 74 anni, da sempre al servizio del Paese. La Repubblica e la Costituzione, quindi, sono le fondamenta dell’identità. Tra i muri portanti, invece, figurano, nell’ordine, il Risorgimento e l’unità d’Italia; la Resistenza e l’antifascismo; il boom economico e la televisione. Qui, inevitabilmente, la memoria corre a Carlo Azeglio Ciampi (1920-2016), presidente della Repubblica dal 1999 al 2006. Ciampi il 9 luglio 2001, in visita a Trento, sdoganò la parola patria: "Sono consapevole del grande consenso che avverto intorno a me sin dai primi giorni della mia ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?