Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
9 set 2021

Il sì di Aifa alla terza dose ai fragili Le Regioni: "Partiamo subito"

Oms controcorrente: sia l’eccezione. Ma Ginevra chiede una moratoria sui nuovi richiami sino a fine anno

9 set 2021
giovanni rossi
Cronaca

di Giovanni Rossi Manca solo l’ufficialità, ma la decisione è presa. Il comitato tecnico scientifico dell’Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco, dà il via libera alla terza dose vaccinale anti–Covid. Già tra la fine di settembre e i primi di ottobre partirà la campagna di richiamo dei pazienti fragili immunodepressi, per un totale di tre milioni di italiani. Per questa platea molto specifica già a luglio si era speso il Comitato tecnico scientifico lanciando l’ipotesi di un richiamo supplementare da sottoporre al vaglio dell’Aifa. Una volta ottenuto il placet, le Regioni convocheranno i prescelti. I governatori già scalpitano: "Prima si parte meglio è", sintetizza Massimiliano Fedriga, presidente del Friuli Venezia Giulia e della Conferenza Stato-Regioni. "Io farò la terza, la quarta, la quinta ed anche la sesta dose, se sarà necessario", alza la posta il governatore della Campania Vincenzo De Luca. Il cronoprogramma immaginato dal governo, sentito il commissario Francesco Figliuolo, prevede di coprire il prima possibile i fragili, per poi passare in dicembre ad Over 80 e ospiti nelle Rsa (categorie con notevoli sovrapposizioni), e in gennaio al personale sanitario. Ma il piano in gestazione si scontra, a livello tecnico ed etico, sia con le perplessità dell’Ema (l’ente regolatore europeo) sia con il circostanziato appello dell’Oms per una moratoria sulle terze dosi almeno sino a fine anno. Secondo l’ultima presa di posizione dell’Ema, "sulla base delle prove attuali, non è urgente la somministrazione di dosi di richiamo di vaccini a individui completamente vaccinati nella popolazione generale". E secondo l’Oms, la terza dose va riservata esclusivamente "alle popolazioni più a rischio, ove ci siano evidenze di una riduzione dell’immunità contro la possibilità di sviluppare Covid grave e morte". Come ad esempio "nelle persone immunocompromesse che non hanno risposto sufficientemente alle dosi iniziali o che non producono anticorpi". Per il resto, nessuna fuga in avanti. ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?