Il Capitol Hill, tempio della democrazia mondiale, è stato spesso al centro di manifestazioni di protesta ma l’irruzione dei seguaci di Donald Trump ha un solo precedente: oltre due secoli fa e in un clima di guerra ben più insidioso di quello di oggi. Il 24 agosto 1814 truppe britanniche marciarono sulla capitale e diedero alle fiamme il palazzo del parlamento, la residenza presidenziale e altri monumenti. Solo una pioggia torrenziale salvò quella volta il Campidoglio dalla distruzione totale.