4 feb 2022

Il raid siriano non restituisce la credibilità

cesare
Cronaca

Cesare De Carlo La credibilità – scrisse Charlie Reese – è come la verginità, una volta persa non la recuperi. Joseph Biden l’ha persa in Afghanistan la scorsa estate. La fuga notturna abbandonando 85 miliardi di armi, aerei, elicotteri e anche dollari nelle mani dei talebani è stata un colpo durissimo per il prestigio suo personale e degli Stati Uniti. Scontate le ricadute internazionali: l’aggressività di Putin in Ucraina e le minacce di Xi a Taiwan. Ma ieri è accaduto un fatto nuovo. Positivo. Biden l’ha rivendicato in televisione con un’espressione meno smarrita del solito. Al Qurayshi, il capo del famigerato Isis, è stato liquidato. O meglio si è fatto esplodere, come già due anni e mezzo fa Al Baghdadi. Una bella notizia, ripeto, a dispetto dei "danni collaterali". Altri bambini, dopo i sette inceneriti "per errore" a Kabul. C’era da aspettarselo. Per i fanatici dell’Islam donne e bambini sono semplici scudi umani. Ma il punto all’esame delle cancellerie è un altro, appunto la credibilità. Sino a che punto è stata rappezzata e sino a che punto ad essa si riaccompagna la temibilità dell’ex gendarme del mondo? Rispondo con un’altra citazione, dovuta questa volta al nostro ex presidente Giorgio Napolitano: ci vuole tanto sforzo per recuperare credibilità dopo averla persa in maniera plateale. Tanto più – va detto – quando sono cambiati i parametri di giudizio. Oggi l’Isis è più presente nell’Afghanistan di nuovo talebano che in Siria o in Iraq dove nacque quando Obama, sprovvedutamente, ritirò le truppe. E dunque è possibile, anzi probabile, che il mostro terrorista fosse un sopravvissuto del vecchio Isis. Riassumendo, è illusorio confondere visibilità con credibilità. E allora qualche domanda. Il raid siriano basterà a inviare un segnale a Putin? O a far dimenticare inflazione e invasione migratoria? O a risollevare la popolarità del presidente e ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?