Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
20 mag 2022

Incidente asilo L'Aquila, lo psichiatra: il ragazzino a bordo è l’altra vittima

Il professor Sanza: dev’essere aiutato o il peso del trauma lo segnerà per sempre

20 mag 2022
lorenzo moroni
Cronaca
Soccorritori sul luogo dell'incidente avvenuto alla scuola dell'infanzia 1 Maggio all'Aquila, dove un gruppo di bambini che stavano giocando nel giardino dell'asilo � stato investito da un auto che ha sfondato la recinzione esterna ed � piombata su di loro, 18 maggio 2022. Secondo le prime informazioni, quattro sarebbero i bambini rimasti feriti, uno dei quali in modo grave. L'auto era parcheggiata in una strada in discesa quando, per motivi ancora da accertare, si � messa in marcia. Sul posto sono presenti ambulanze, vigili del Fuoco, polizia, carabinieri e Vigili urbani. 
ANSA/ FABIO IULIANO
I soccorsi a L'Aquila e, nel riquadro, il piccolo Tommaso (Ansa)
Soccorritori sul luogo dell'incidente avvenuto alla scuola dell'infanzia 1 Maggio all'Aquila, dove un gruppo di bambini che stavano giocando nel giardino dell'asilo � stato investito da un auto che ha sfondato la recinzione esterna ed � piombata su di loro, 18 maggio 2022. Secondo le prime informazioni, quattro sarebbero i bambini rimasti feriti, uno dei quali in modo grave. L'auto era parcheggiata in una strada in discesa quando, per motivi ancora da accertare, si � messa in marcia. Sul posto sono presenti ambulanze, vigili del Fuoco, polizia, carabinieri e Vigili urbani. 
ANSA/ FABIO IULIANO
I soccorsi a L'Aquila e, nel riquadro, il piccolo Tommaso (Ansa)

"Anche lui è una vittima di questa tragedia". I periti accerteranno le cause tecniche dell’incidente dell'asilo all'Aquila, ma per il 12enne che era a bordo dell’auto – osserva il prof. Michele Sanza, neuropsichiatra e direttore del Dipartimento di salute mentale e dipendenze patologiche dell’Ausl di Forlì-Cesena – non sarà facile superare il trauma".

Approfondisci:

Messina, bimbo di 2 anni muore investito dall'auto del padre

Asilo L'Aquila, la madre di Tommaso: "Dovevamo sposarci a luglio". L'ipotesi errore umano

Cosa ha vissuto in quel momento?

"Uno stato di intensa paura, la consapevolezza dell’evento arriva un attimo dopo. Prima si attiva l’allerta che ci mette in condizioni di reagire".

Potrebbe aver cercato di fermare l’auto.

"Plausibile. Comunque una reazione di allerta intensa c’è stata e subito dopo la consapevolezza di ciò che stava accadendo: la drammaticità dell’evento, la speranza che nulla fosse accaduto e si potesse risolvere in modo benigno, la presa delle reali conseguenze".

Quali parole usare con lui adesso?

"Non c’è un algoritmo, ma è opportuno che uno psicologo, in grado di rapportarsi con l’infanzia, prima parli con gli adulti per conoscere il bambino, il carattere, la modalità di reazione agli eventi negativi. Deve ottenere la sua fiducia e introdurre gradualmente l’argomento, pronto ad arrestarsi o a ritardare la completa comunicazione se dovesse trovarsi di fronte a reazioni forti".

Avrà sensi di colpa?

"È inevitabile, ma non portano a un miglioramento della situazione. I giudici chiariranno quanto accaduto, ma c’è una sua responsabilità, non penale ovviamente, intesa come contributo all’azione avvenuta".

Per quanto tempo si porterà dietro questo trauma?

"Non è prevedibile, ma se non trattato ed elaborato, c’è il rischio di conseguenze durevoli".

 

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?